Vai al contenuto
  • Mauro Maratta
    Mauro Maratta

    To F or not to F ?

    Uffa che barba, starà già dicendo qualcuno. Ancora un editoriale di chiacchiere intorno al tema mirrorless !
    Machissene, ma fatevi bastare quello che avete, ma perchè volete proprio andarvi a cacciare in queste discussioni cervellotiche.

    Verissimo ... in parte. Personalmente potrei anche continuare a vivere tranquillamente con le mie reflex (D850 e D5), fare milioni di nuove foto, e desiderare che un giorno magicamente mettano a fuoco a tutto schermo, anche in live-view in continuo, con riconoscimento facciale e ricerca dell'occhio più prossimo. E che non debbano essere minuziosamente tarate per avere un autofocus preciso per ogni nuovo obiettivo.

    Il problema è che li fuori le cose non è che stanno cambiando, sono già cambiate. E in fondo questo lo sapevano già in casa Nikon quando nel 2011 hanno lanciato in un giorno solo di un passato settembre un intero nuovo sistema mirrorless composto da diverse fotocamere e diversi obiettivi, oltre ad accessori, futuri obiettivi etc. etc.
    Si sto parlando di quel sistema Nikon 1 di cui si dice che non sia morto ma che stia solamente dormendo ... :marameo:

    E' possibile che sia così e che ... un giorno si risvegli del tutto rinnovato, in formato full-frame e con prestazioni a tutto tondo allo stato dell'arte.

    Sostanzialmente è quello che stanno ammettendo tutti nelle recenti interviste, da Nikon - ufficiosamente o meno, le ultime parole del top-management risalgono all'estate del 2017, più o meno in concomitanza con il lancio della D850 - a Sony, a Tamron, a Sigma. A Canon che non nasconde che sarebbe bello se ci fosse una mirrorless full-frame anche di Canon prima di un anno.
    Persino il Nikkei, commentando la chiusura dell'esercizio fiscale Nikon ha anticipato che ... Nikon ha deciso di anticipare alla seconda parte del 2018 il lancio della sua mirrorless full-frame.

    Anche perchè, parlando di risultati economici e borsistici, Nikon al momento vende solo la D850 - che ha appena cessato di essere introvabile e disponibile solo in lista di attesa - e qualche D7500.
    Il resto ... è giusto in catalogo o in svendita (tipo le residuali D7200, D7100, D3x00, D5x00).
    Per sostenere le vendite ci vorrà almeno un colpo analogo a quello - miracoloso della D850.

    Con la D850 Nikon ha dimostrato di saper ancora raggiungere lo stato dell'arte in campo fotografico, mettendo così in alto l'asticella delle reflex che per chiunque sarà difficile fare di meglio.
    Specialmente perchè i limiti tecnologici sono stati praticamente raggiunti. E a detta di tutti, ulteriori passi in avanti sono possibili solo rimuovendo specchio e mirino ottico.

    Cosa mi aspetto io da Nikon ?

    Per agosto-settembre, prima della prossima Photokina, il lancio multiplo di un paio di famiglie di macchine. O almeno l'annuncio dello stato avanzato del loro sviluppo.

    Il più atteso dal pubblico informato - quello che legge Nikonland - è certamente quello relativo alla full-frame.
    Io ipotizzo una macchina di classe D600/D750 - prezzata intorno ai 2000 euro - con caratteristiche avanzate ma non professionali.

    Ma per le necessità di vendita (2000 euro sono pur sempre tanti, tantissimi per il fotografo comune o per chi cerca maggiore qualità rispetto ad uno smartphone) non basterà a far girare il fatturato di Nikon.
    Sarà necessario anche un sistema nuovo in formato APS-C. Il formato mainstream per numeri di vendite, con kit da proporre sul mercato a meno di 1000 euro, idealmente nella fascia 500-750 euro. Una cosa simile alla Canon EOS 50M - che costa a Milano 749 euro con l'ottica standard - o magari meglio.

    Perchè parlo di sistema ? Perchè con l'occasione ritengo che Nikon possa seppellire il mai troppo coltivato formato DX reflex, introducendo un nuovo attacco, con una serie di obiettivi completamente nuova, per caratteristiche, dimensioni, prestazioni, che prenda origine dalla serie recente dotata di motori elettrici, gli AF-P.

    Con questo sistema, introducendo più corpi di varie fasce - compreso quello privo di mirino elettronico che in Giappone vende bene (ma anche qui può avere le sue chance. L'altro giorno ho visto una cuoca fotografare i piatti del suo ristorante usando una Sony Alpha 9 con 24-70/2.8 GM ... mirando con il display posteriore ... senza porsi l'interrogativo di cosa sia quello strano cosino con il gommino attorno ...) - Nikon sostituirebbe tutte le reflex DX consumer che verrebbero lasciate morire lentamente fino ad esaurimento scorte.

    Ok, ma a noi di Nikonland che ci frega ?

    Personalmente nulla. Io non ho mai riservato alcun interesse verso le macchine delle serie D3000 e D5000 ed ho usato le D7000 solamente perchè non c'erano sostitute professionali per lo sport.
    Uscite la D500 e oggi la D850 (che in larga misura sostituisce anche la D500 le cui vendite si sono ridotte tanto da non prevederne più un suo aggiornamento), ho escluso anche le D7000 dal mio radar, sebbene io abbia trovato molto, molto ben fatta la D7500 che sarà certamente l'ultima reflex DX Nikon a sopravvivere all'estinzione.

    Parliamo quindi della mirrorless full-frame.

    Qui c'è il dilemma che immagino stia facendo perdere il sonno al managemente Nikon.

    Perchè se di ottiche DX di pregio non ne ha comprate nessuno (con l'esclusione dei pochi Sigma 18-35/1.8 e 50-100/1.8 serie Art di epoca recente), di obiettivi FX di ogni ordine e tipo c'è pieno il mondo. E tra questi ci sono sia i supertele fino al 800mm che ... i Sigma Art e Sports che molti di noi posseggono.
    Investimenti importanti che a detta di Nikon ufficialmente saranno preservati.

    E quindi ?

    E quindi ci sono due ipotesi fondamentali che potremmo vedere. Io penso alternativamente e non alternative tra di loro.

    Se vinceranno i progettisti progressisti : ci sarà un nuovo attacco a tiraggio ridotto.
    Un nuovo attacco permetterebbe di scrollarsi di dosso in un solo colpo di tutti i limiti dell'attacco F, nato nel 1959 con caratteristiche avanzate per l'epoca ma che 60 anni dopo è striminzito per le complicazioni degli obiettivi di oggi.
    Con il nuovo attacco dovrebbero uscire nuovi obiettivi. Ma ci sarà un adattatore per rendere compatibile con le nuove macchine le vecchie ottiche da reflex.
    Con che prestazioni ? Non sappiamo ma temo con qualche (o molte) limitazioni come l'esperienza di Sony con i Sony/Minolta ci ha dimostrato.
    Ma avremmo - finalmente - una nuova generazione di obiettivi Nikon all'altezza delle nostre aspettative.

    Se vincerà il marketing conservatore : ci sarà la diretta compatibilità con l'attacco F.
    E quindi con questa macchina non ci vorrà un adattatore ma si potranno usare gli obiettivi con attacco Nikon F come se fosse una reflex.
    O almeno, speriamo.
    Diciamo che fino a qualche mese fa pensavo che non fosse una soluzione praticabile. Ma l'arrivo dei Sigma Art per Sony - che sono identici a quelli per Nikon salvo incorporare un adattatore integrato - mi ha fatto pensare che forse è possibile. Mettendo l'adattatore direttamente nel corpo macchina, valido per tutti gli obiettivi, aggiornabile via software, il sistema potrebbe essere più efficiente.

    L'uovo di Colombo che permetterebbe a Nikon di vendere le nuove macchine senza costringere nessuno a cambiare interamente il proprio corredo.
    Nikon potrebbe continuare a proporre nuovi obiettivi - parzialmente incompatibili con le vecchie reflex, tipo gli E e gli AF-P - progettati per dare il massimo con le nuove mirrorless ma che funzionerebbero anche su D850 e D750, ma noi potremmo anche usare i nostri 600/4, 105/1.4 e 28/1.4 sulle nuove mirrorless.

    Quale soluzione sarebbe la migliore ?

    Non ne ho idea. Ma ripeto, l'uscita di Sigma e le parole di Yamaki (il vantaggio nella riprogettazione di ottiche per mirrorless è praticamente tutto nelle focali più corte : e lo abbiamo visto con gli ultimi Sony, enormi quanto quelli per reflex per focali superiori al 35mm, compatti la metà di quelli per reflex, nelle focali da 28mm in giù) mi ha fatto sorgere più di un dubbio.

    Insomma, l'unica cosa certa e che tra qualche mese avremo anche le mirrorless Nikon. Non saranno macchine in grado di sostituire D5 e D850 - è presto, per quelle si dovrà aspettare almeno il 2020 e l'introduzione del global-shutter - ma saranno certamente all'altezza delle aspettative del grosso dei nikonisti.

    Nikon ha brevettato sia un nuovo attacco, che un nuovo sistema di contatti che ne prevede 12 al posto dei 10 introdotti nelle reflex a partire dalla D3. E svariati sistemi di messa a fuoco avanzati, oltre ad avere avviato collaborazioni con produttori di sensori diversi da Sony. Si dice nell'ambiente anche che Nikon abbia già incontrato informalmente anche Sigma e Tamron per sapere come si stanno muovendo loro in campo mirrorless.

    Di certo nell'equazione non sono contemplate le macchine da borsetta, quelle saranno certamente in formato APS-C ed avranno tutto nuovo, perchè tanto gli obiettivi DX in catalogo possono essere facilmente sostituiti come Nikon ha dimostrato lo scorso anno con il bellissimo 10-20 AF-P, piccolo, valido ed economico. Anche perchè chi compra una cosa del genere, la compra in kit, e facilmente butta via o regala quella che eventualmente ha già in casa. E al massimo aggiunge un obiettivo in più, due se glielo consigliano in qualche workshop. E stop.

    Ma voi cosa ne pensate ? Vinceranno i progressisti o i conservatori ?



    Feedback utente


    Mah difficile prevedere questa scelta.
    Io credo che Nikon non abbia la pazienza di intraprendere un percorso da nuova baionetta con annessa lens roadmap e tutto il resto. Ci vorrebbero 2/3 anni per andare a regime con le vendite dei corpi e tutto il resto.

    Fuji e Sony l'han fatto per motivi diversi ma non avevano alternativa.
    Con milioni di lenti in giro baionetta F, Nikon ha questa alternativa e credo la utilizzerà.

    Forse la scelta migliore sarebbe cambiare baionetta per dare seguito ad un nuovo ciclo di 20-30 anni (anche se credo durerà molto meno) ma who knows...quando si tratta di soldi vale il detto "pochi, maledetti e subito"

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Onestamente non saprei, non mi dispiacerebbe avere una mirrorless con attacco F, senza dover montare nessun adattatore e che conservo tutti gli automatismi.

    Ma quanto saranno grandi questi nuovi corpi? Saranno come le reflex attuali o più come sony? Perche se fossero così sarebbero anche più discrete....

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Provocazione per provocazione, e se "vincesse" il "terzo polo"? Ovvero: adesso esce un sistema APS-C con effettivamente un nuovo attacco e nuove ottiche, 3 fasce di prodotti da 400 euro a 900/1000 (stile Canon M..) ma contemporaneamente nella fascia medio-alta continuerà per molti anni (per sempre?) ad esistere una baionetta  F sul pieno formato?

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    15 ore fa, Davide D. dice:

    Provocazione per provocazione, e se "vincesse" il "terzo polo"? Ovvero: adesso esce un sistema APS-C con effettivamente un nuovo attacco e nuove ottiche, 3 fasce di prodotti da 400 euro a 900/1000 (stile Canon M..) ma contemporaneamente nella fascia medio-alta continuerà per molti anni (per sempre?) ad esistere una baionetta  F sul pieno formato?

    Si, potrebbe essere una via per salvare capra e cavoli.
    Ovvero per avere macchine piccole e compatte, in formato piccolo - stile Olympus/Panasonic - dove non c'è un problema molto sentito di fedeltà e di parco ottiche importante in casa Nikon/DX.
    Mantenere la piena compatibilità - precludendosi però i vantaggi di un nuovo attacco e di un tiraggio ridotto - senza prevedere un adattatore (che in quanto tale, non sarà mai perfetto) con il parco ottiche FX già in possesso dei clienti, almeno per gli obiettivi delle ultime generazioni.

    Già sugli obiettivi G non saprei quanto il gioco valga la candela. Mettere l'attuatore motorizzato del diaframma in una mirrorless a tiraggio lungo non è un problema insormontabile ma si tratta comunque di mettere apparati meccanici potenzialmente delicati e che a tendere non saranno più necessari (obiettivi di tipo E).

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    16 ore fa, Fabio Zambelli dice:

    Onestamente non saprei, non mi dispiacerebbe avere una mirrorless con attacco F, senza dover montare nessun adattatore e che conservo tutti gli automatismi.

    Ma quanto saranno grandi questi nuovi corpi? Saranno come le reflex attuali o più come sony? Perche se fossero così sarebbero anche più discrete....

    Temo che le due opzioni non siano molto compatbili tra loro.
    Mantenere l'attacco F e il suo tiraggio non consentirà di fare quelle sottilette stile Fujifilm e Sony che tanto attraggono chi le vuole piccole e che per l'ultima tendenza stanno diventando sempre più grandi, specie a livello di impugnatura, per sostenere obiettivi importanti come i vari zoom F2.8 cui siamo abituati sulle nostre reflex.

    Intendiamoci, io non so cosa sta deliberando Nikon al riguardo, sono convinto che qualsiasi soluzione scontenterà una parte della sua clientela e verrà considerata comunque sbagliata.
    Eppure andrà fatta perchè tutto e il contrario di tutto non si può fare :(

     

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Penso che ci sarà un nuovo attacco con adattatore per obiettivi con attacco F. Chiaramente questo comporterebbe un adattatore di elevata precisione. Ci potrebbe essere anche una terza via però: un kit per ogni vecchio obiettivo che lo trasformi col nuovo attacco, un po' come fecero per meccanicamente in passato per trasformare gli Ai in Ai-s. Chiaro che oggi monterebbe anche qualche componente per tradurre elettronicamente il nuovo, col vecchio attacco

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Io voterei per un nuovo attacco e, naturalmente, disponibile immediatamente con l'uscita della ML un adattatore per poter utilizzare comunque tutte le ottiche con attacco F.

    Se dovessero vincere i conservatori forse inizialmente non rappresenterebbe un gran problema, ma fra 10/20 anni????

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    14 ore fa, cris7 dice:

    [..]

    Se dovessero vincere i conservatori forse inizialmente non rappresenterebbe un gran problema, ma fra 10/20 anni????

    E tu pensi che tra 10-20 anni saremo ancora a dibattere di questi temi ?
    Dubito : il mercato sarà un quindicesimo di quello che é oggi e a nessuno dei produttori sopravvissuti fino ad allora, verrà in mente di investire in sistemi rivoluzionari.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    6 ore fa, Mauro Maratta dice:

    E tu pensi che tra 10-20 anni saremo ancora a dibattere di questi temi ?
    Dubito : il mercato sarà un quindicesimo di quello che é oggi e a nessuno dei produttori sopravvissuti fino ad allora, verrà in mente di investire in sistemi rivoluzionari.

    Fra 20 anni mi aspetto di avere un sistema di occhiali o meglio lenti a contatto che faranno foto con angolo di campo il nostro occhio.

    Ops sono OT ma spesso mi capita di pensare "pensa che figo se sbattendo due volte gli occhi potessi fare uno screenshot di quello che sto vedendo..." 

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Mah ragazzi io non sarei così certo di quanto dite.... vedo probabile una grande rivoluzione nei sensori che spero diventeranno finalmente a colori, niente specchio, niente otturatore, ma neppure niente di fantascientifico, né soprattutto di miniaturizzato, per le cose di qualità.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Io penso invece che in avvenire la tecnologia sposterà necessariamente sul miniaturizzato. Prima c'è stata la lastra 13X19, poi la 6X9, poi la 6x6 adesso c'è il 35MM, ma nulla vieta che il formato non  possa cambiuare in futuro a dimensioni più piccole.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti


    Crea un account o accedi per lasciare un commento

    You need to be a member in order to leave a comment

    Crea un account

    Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

    Registra un nuovo account

    Accedi

    Sei già registrato? Accedi qui.

    Accedi Ora

×