Vai al contenuto
  • Max Aquila
    Max Aquila

    Nikon Z6: la necessaria !

    1157605064_301-_85K5358105mm1-13secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.3f84107cccf665dc3eadac1fc5dd8993.jpg

    Venerdì 16 Novembre 2018 Nikon presenta la sua seconda mirrorless full frame, la Z6 e nello stesso giorno Nikonland riceve in visione e prova un necessaire più che completo, grazie ai buoni uffici del distributore italiano, formato dal corpo macchina, dallo zoom (che definire di primo equipaggiamento appare fin da subito riduttivo) 24-70/4, dall'ambìto grandangolare leggero, il 35/1,8 e dallo strumento di coesione tra i corredi F ed i corpi Z, l'adattatore FTZ, tutti oggetti dei quali da mesi oltre a parlarne fin troppo, su Nikonland si scrive a profusione, per prova provata, pure sulla sezione del forum, felicemente rinominata all'uopo,  Zetaland...

    305   -_D5K2776-Modifica  40 mm  1-60 sec a f - 16  Max Aquila photo (C)_.jpg


    1772260678_325-Nikon-Z7-magnesium-alloy-bodyMaxAquilaphoto(C)_.jpg.fd509043e4e9fdc593cbbc47c60cea19.jpg Cosa ci fa definire NECESSARIA la Nikon Z6? 

    Struttura, dimensioni e peso identici alla primogenita Z7.   Ergonomia uguale.   Estetica indistinguibile se non per il numerino in basso a destra, osservando il frontale...
    311   -_D5K2797-Modifica  40 mm  1-60 sec a f - 16  Max Aquila photo (C)_.jpg

    318   -_D5K2891  105 mm  1-125 sec a f - 5,6  Max Aquila photo (C)_.jpg

    idem per i comandi e pulsanti, avanti come dietro, sulla torretta di sinistra e sulla plancia di scatto a destra

    310   -_D5K2793-Modifica  40 mm  1-60 sec a f - 11  Max Aquila photo (C)_.jpg

    320   -_D5K2898  105 mm  1-125 sec a f - 8,0  Max Aquila photo (C)_.jpg

    da qualsiasi punto di vista la si guardi e la si studi, non appaiono differenze di sorta tra le due macchine con le quali Nikon inaugura il suo secondo Centenario.

    306   -_D5K2781-Modifica-Modifica  40 mm  1-60 sec a f - 11  Max Aquila photo (C)_.jpg

    315   -_D5K2885  105 mm  1-125 sec a f - 8,0  Max Aquila photo (C)_.jpg a sx sul fianco comode coperture flessibili
    proteggono le prese IN e OUT della fotocamera 316   -_D5K2887  105 mm  1-125 sec a f - 8,0  Max Aquila photo (C)_.jpg

    anche a destra, il nuovo sportello/poggiapollice ergonomico apre l'accesso all'unica scheda XQD (CFxpress compatibile) , 317   -_D5K2888  105 mm  1-125 sec a f - 8,0  Max Aquila photo (C)_.jpgdi cui le attuali Nikon Z possono disporre per la registrazione dei files

    così come identico è il mirino elettronico OLED in dotazione, da 3690k punti ed uguali possibilità di regolazione.309   -_D5K2791-Modifica  40 mm  1-60 sec a f - 11  Max Aquila photo (C)_.jpg

    Necessario è tutto ciò che diventa spesso anche indispensabile, diverso dal superfluo ed anche dall'eccedente...
    308   -_D5K2789-Modifica  40 mm  1-60 sec a f - 4,0  Max Aquila photo (C)_.jpg
    ed ecco allora come la Nikon Z6 diventa "La Necessaria":
    eliminato il superfluo (specchio, mirabox, lentezza operativa, rumorosità etc), aggiunto l'indispensabile (mirino elettronico performante, AF ibrido a rilevazione di fase e di contrasto, sensori posizionati su tutto il fotogramma, ottimo rapporto S/R, stabilizzazione sul sensore, raffica fino a 12 ftg/s, video 4K) si accontenta di rinunciare alle "eccedenze" della sorella maggiore ossia, sopratutto, il sensore da 45,7Mpx, oltre ai 493 punti di messa a fuoco (facendosene bastare 273) e gli ISO 64 da cui parte invece la Z7.

    Come la sorella si regala funzioni difficilmente riscontrabili su altre mirrorless di riferimento (prima della nascita della linea Z): principalmente cosette come la ripresa con la variazione della messa a fuoco, brevemente ridefinita focus stacking e le riprese con intervallometro in time lapse , oltre ad una perfetta compatibilità con ottiche native e universali della generazione reflex attraverso l'adattatore FTZ
     307   -_D5K2786-Modifica-2  40 mm  1-60 sec a f - 11  Max Aquila photo (C)_.jpg

    roba da far ... leccare i gomiti a chi apprezzi o, come me, idolatri costruzioni ottiche del remoto passato Nikon, Nikkor, da far rivivere, stabilizzate e misurate al Matrix303   -_D5K2750  40 mm  1-125 sec a f - 5,6  Max Aquila photo (C)_.jpg

    insieme alle gloriose sigle da Nippon Kogaku...313   -_D5K2810  40 mm  1-60 sec a f - 4,0  Max Aquila photo (C)_.jpg

    famose quando certe etichette odierne ancora combattevano con le Katana nei boschi di tigli in fiore
    312   -_D5K2806-Modifica  40 mm  1-60 sec a f - 11  Max Aquila photo (C)_.jpg senza disdegnare abbinamenti estremi ma ... necessari,

                                                  perlomeno fino a quando il listino ottiche della roadmap non sarà stato completato.

    nikon-z6-z7.thumb.jpg.8f24ff55656849c548998f1b9690dea7.jpg

    Necessario non è quindi sinonimo di inferiore, ma connota un prodotto in funzione degli scopi per i quali venga preferito ad altri:

    è una scelta molto più complessa di quelle riduttive da ...rapporto qualità/prezzo (che detesto, in quanto eminentemente soggettivo) o da ricerca del TOP del listino.
    Necessaria è la Nikon Z6 proprio in ragione di alcuni parametri per i quali possa essere scelta al posto della sorella più costosa (molto...) rinunciando ai pochi aspetti che da quella la differenziano:

     

    Il Sensore

    Cattura.PNG.bbb136a453bf4cb32c304336a9bc3636.PNG (foto di Pat Nadolsky)

    24,5 MPx, genera files da 6048x4024 pixel, NEF da circa 30 Mb, (jpg Fine* attorno ai 12 MB), provvisto di filtro passabasso (al contrario che la Z7)

    Questo taglio di sensore è probabilmente quello attualmente più popolare tra tutti i marchi di mirrorless sia di formato pieno che in APS-C: significa che continua ad essere considerato un giusto compromesso tra le esigenze qualitative fotografiche in molti generi insieme al limitato ingombro dei file sui nostri vessati hard disk.

    Dai reporter di tutti i generi, ai viaggiatori e street photographer, alla mamma che voglia scattare in automatismo totale alla partita di calcio del figlio (o di volley, giusta la capacità eccellente agli alti ISO) nessuno si lamenterà, ma anzi si autocongratulerà per l'azzeccato acquisto.

     

    273 punti AF sparsi sul 90% del fotogramma

    sensor.jpg.174856385280af7fa5cccf51c9536acc.jpg

    una grande innovazione per tutti i fotografi delle categorie prima menzionate, per la facilitazione rispetto all'esiguità sulle reflex di aggancio dell'AF sul soggetto del tutto decentrato nel fotogramma: ritengo sia una delle performance irrinunciabili, indispensabili, in una moderna fotocamera, anche a prescindere dal genere fotografato, per evitare l'esigenza di treppiede + live view con la quale, ma solo con le ultime reflex, si riusciva a ottenere un compromesso onorevole, rispetto la copertura solamente DX delle cellule AF sulle ammiraglie Nikon.

     

    Resa agli Alti ISO

    La latitudine di posa del sensore tra 100 e 51200 ISO abbinata ad un eccellente rapporto S/R, insieme alla capacità di lettura dell'AF in luce bassa già a partire da -4EV, consente di ottenere una eccellente compattezza anche delle zone omogenee sovra o sottoesposte dell'inquadratura:

    1918548402_101-_Z6C014824mm1-100secaf-56MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.0b0a7e23162945a2ad2d4c7f9acef038.jpg 12800 ISO190439839_103-_Z6C642935mm1-400secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.53e155c22167dc8f4b4ebb66f030c30b.jpg25600 ISO1487546995_104-_Z6C642935mm1-400secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.221ae47952a47c19bd1f3f6b60bfc961.jpg (crop)

    Le prestazioni in luce disponibile di una Nikon Z6 sono oggi "necessarie" ad una pluralità di utilizzi e di tipologie di fotografia.

     

     

    Baionetta e tiraggio Z

    mounts.PNG.153258d157fbd6c95a5c37a621b53cb5.PNG

    ...un grande passo in avanti per ogni nikonista

    mount.thumb.PNG.72ed123905c46425cd9f290ae43688f3.PNG

    unitamente alla presentazione delle ottiche Nikon S promesse nella roadmap pubblicata

    Nikon-Z6-7.jpg.71d3af3b761f7da705f0f1866215aeac.jpg produrrà un livello qualitativo delle immagini irraggiungibile dalle ottiche F

     

     

    Stabilizzazione a 5 assi

    vr-unit.jpg.53aae0dcc3a06e84d64e6cc4cd788841.jpg

    Indispensabile voce nel panorama mirrorless attuale, Nikon Z6 anche qui marca il territorio con prestazioni a mio vedere ottime (dopo aver testato negli anni precedenti il meglio della produzione della concorrenza) che se anche non rispettassero il parametro dei +5 stop promessi (rispetto il reciproco focale/indice ISO) diventano eccellenti nell'integrazione tra stabilizzazione del corpo macchina congiuntamente a quella (se presente) dell'obiettivo, nel mio caso, attraverso il tramite dell' adattatore FTZ ed anche con obiettivi universali !716610902_101-_Z6C0258200mm1-80secaf-16MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.cd4fd46075bf5c320b58a284e12ad6a4.jpg 1/80"  a 200mm a mano libera su di un 80-200/2.8 a f/16
    dà già il senso della qualità di stabilizzazione ottenibile  182369434_101-_Z6C0258200mm1-80secaf-16MaxAquilaphoto(C)_-2.thumb.jpg.380e9cc8e66e355388565df6d27f0772.jpg (crop)

    tanto quanto 1/25" ai 70mm del 24-70/4417986689_101-_Z6C031366mm1-25secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.20702f5262acd5268b2c8069527cb8b9.jpg

    1043091554_101-_Z6C031366mm1-25secaf-40MaxAquilaphoto(C)_-2.thumb.jpg.306f1b8340f7e7e32299e1074c89b38d.jpg (ed il suo crop) 
    Non ho avuto molto tempo per sviluppare questo specifico tema, con cui mi sarebbe piaciuto testare vecchi obiettivi Nippon Kogaku, ma la sensazione di sicurezza ricevuta durante gli scatti è stata davvero eloquente e queste prove a tempi improponibili a mano libera su attrezzature differenti fanno ancora un pò più "necessaria" una Nikon Z6

    101   -_Z6C0163  35 mm  1-10 sec a f - 5,6  Max Aquila photo (C)_.jpg35mm 1/10"

    842320434_101-_Z6C034835mm1-10secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.fe6f58b685ad300baba50627a8a4c8d7.jpg 501661548_101-_Z6C034835mm1-10secaf-40MaxAquilaphoto(C)_-2.thumb.jpg.9143df29d8e95a937354a31668c15f82.jpg

    Inoltre la Nikon Z6 diventa, a mio avviso, "Necessaria" perchè le caratteristiche che la differenziano dalla Z7 la collocano, per snellezza, su di un piano di migliore compatibilità tra il gruppo processore/sensore e le prestazioni dinamiche di velocità di scrittura su XQD, come ben testimoniato dai massive test di scatto in sequenza, cui l'ho sottoposta in abbinamento al Nikon 200-500/5,6E su FTZ,  per ottenere innanzitutto la prestazione massima in termini di velocità (12 ftg/s in jpg Fine e sequenza H*)
     tonno2.thumb.jpg.ab510b28457ee47bda3d795ef0da6806.jpg

    (qua sequenza di 2 secondi) tonno1.thumb.jpg.69024c684bfc28c0c7bc1b3b92c51f55.jpg

    durante il quale utilizzo l'immagine mostrata nel mirino elettronico non manifesta problemi di ritardo ed il buffer, grazie alla dimensione dei file decisamente inferiore agli analoghi della Z7, non manifesta flessioni di sorta anche scattando sequenze di durata ulteriore (per ottenere di più, tanto varrebbe realizzare filmati !)681107811_09019112018-_Z6C3401MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.8be3301e98c8d0200cd55e3292a52406.jpg
    844280529_09119112018-_Z6C2755MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.4741e81bf1f2de1bab2a8f8577556fe5.jpgDirei che per i fotografi che si dedicano allo sport, la Nikon Z6 oggi sia la Z necessaria !
    582445209_09119112018-_Z6C3202MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.9b5a5286fe0bcea10a743c4dbe805607.jpg

    Ed uno shooting da ben più 4mila scatti in appena due ore, con la stessa batteria EN-EL15b 2079420766_08119112018-_D5K2755MaxAquilaphoto(C).jpg.de4f3dd37d25891ca7b3117f0b077e94.jpg (a proposito... lasciate stare gli standard CIPA degli annunci) 
    ...non può che confermare la naturale destinazione di questa mirrorless a robusti utilizzi di questo genere, limitati unicamente da quello che per lunghi anni è stato il principale argomento di vendita di mirrorless MQT, APS-C ed anche FF: le dimensioni ridotte, che in questo ambito, quello dell'utilizzo intenso e continuato, non può che fare rimpiangere le dimensioni di una tradizionale reflex...
     hand.thumb.PNG.d016c664d0b1e6d14e1288a4f5e59206.PNG nell'uso intensivo il palmo della mano, privo di appoggio, si indolenzisce
    e la mancanza di un battery grip aggiuntivo si fa certamente sentire con obiettivi ben più compatti del mio zoomone 200-500/5,6

    Certamente mille aspetti a favore della compattezza li troveranno (e sono in tanti) tutti coloro che di una Nikon Z6 faranno la propria mirrorless da viaggio per vacanza, studio, o per ogni altro motivo nel quale
    compattezza e peso limitato costituiscano un vantaggio reale 676872ff-3d80-4d3b-a919-10d0a8f94fbd.thumb.jpg.a57529d1b1db77fb872486a2aaf7fd39.jpg

    Un aspetto che ho accennato in anteprima rispetto a questo articolo, è stata la sensazione di non aver percepito la presenza evidente di rolling shutter (delle deformazioni indotte dal funzionamento a "pennello" dell'otturatore elettronico) nel migliaio abbondante di foto scattate durante un giro di golf, come mi è invece capitato di doversubire in altre occasioni con altre...mirrorless  
    1651644664_NOROLLING.thumb.jpg.ef035304d0ab3eeeb3aaa87402fa7cb2.jpg

    Ciò non potrebbe che essere un'impressione fallace, giusta l'assenza nelle Z dell'anelato global shutter, ma potrebbe essere in linea con la velocità ancora al di sotto delle aspettative che l'otturatore elettronico di queste Z consente al momento. (9 ftg/s per la Z7 e 12 ftg/s per questa Z6)

    314   -_D5K2817  40 mm  1-60 sec a f - 5,6  Max Aquila photo (C)_.jpg
    Un'altra critica che mi sento di estendere alle Nikon Z attuali, dimensioni a parte, è la solita storia del bellissimo monitor da 3,2" e 2100punti, touch, contrastatissimo e zeppo di opportunità...

    321   -_D5K2901-Modifica  105 mm  1-100 sec a f - 8,0  Max Aquila photo (C)_.jpg tranne quella di essere imperniato a pantografo, invece che a perno basculante,
    limitandone l'escursione alla posizione a 90°
    322   -_D5K2904  105 mm  1-100 sec a f - 11  Max Aquila photo (C)_.jpg

    nella quale bisogna inoltre fare attenzione al sensore di prossimità del mirino (se non lo disattiviamo) che tende ad oscurare il monitor alla minima interferenza, di un dito, della cinghia, del pensiero solamente di...poter interferire 😃

    Spettacolari invece sono la posizione, la fattura e la resistenza opposta dai migliori joystick e selettore multipoint che mi sia mai stato dato di utilizzare su di una mirrorless:
    319   -_D5K2894  105 mm  1-125 sec a f - 5,6  Max Aquila photo (C)_.jpg comandi necessari alla gestione dei suoi molteplici menù, Nikon styled: assolutamente familiari ! :cuoricini:

    Tasti funzione come quello i, con due linee di opzioni programmabili e istantaneamente richiamabili, o come i due tasti intorno alla baionetta FN1 e 2, oltre alle tre posizioni di memoria impostazioni sulla rotella della torretta di sinistra (U1,U2 e U3)

    wb.thumb.jpg.ddee9d23da6a5ab19ec8a79d20de129e.jpg

    Grande sforzo da parte di Nikon nell'implementazione in entrambe queste Z di capacità di valutazione della luce, della temperatura colore (in alto un esempio dei tre diversi preset del WB Auto...), della semplificazione delle modalità di AF nel pilotarne i sensori: si comprende come si sia solo all'inizio di un progetto molto ambizioso.

     

     

    Concludendo:

    gli aspetti a svantaggio di una Nikon Z6 sono davvero esigui e non sono molto differenti da quelli evidenziati nel test della Z7,  investono ambiti progettuali che nelle prossime versioni saranno probabilmente superati con facilità, come nel caso del riconoscimento dell'occhio (fallace nel più delle volte) o dell'assenza di contatti elettrici per un grip verticale che aumenti la sensazione di usability delle due Nikon Z. 

    Alcuni aspetti differenziali dalla Z7 ne fanno invece  a mio avviso una scelta potenzialmente più interessante della capostipite sorella:

    • macchina generalista: necessaria nelle mani di utenti Nikon vecchi e nuovi . Mi pare sia il realistico ponte di transito da reflex a mirrorless
    • attitudine alla scrittura di elevati volumi di scatto (entro i limiti di sistema, chiaramente indicati)
    • meno soggetta della sorella, dal sensore elefantiaco, a imbarazzanti lag, a parità di processore 
    • vogliamo dire anche del prezzo, sicuramente più invitante, specie dopo i primi mesi di febbre da Z6 ?
     
    In entrambi i casi delle Nikon Z apprezzo tantissimo lo slogan che è stato coniato alla presentazione, quello di "mirrorless reinvented": ne hanno titolo !

     

    Max Aquila photo (C) per NikonZetaland 2018

    • Mi piace ! 2
    • Primo premio ! 7
    • Sono d'accordo 1



    Feedback utente

    Recommended Comments



    Grande Max, sei andato bene a fondo sulla materia, per rendere piena giustizia al prodotto.

    Mettiamo anche qui le statistiche dell'articolo :

    • 15909 Caratteri
    • 13645 Caratteri (spazi esclusi)
    • 2170 Parole
    • 153 Frasi
    • 104 Paragrafi
    • 9,86 min Tempo di lettura
    • 16,69 min Tempo nel parlato

    anticipo, ma chi ci segue già lo sa, che sulle differenze tra Z7 e Z6 e le reali motivazioni di scelta (al di là di quelle ovvie relative al prezzo) scriveremo un articolo separato.
    Sto attendendo il sample della Z6 in visione da Nital proprio per questo !

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Pur non essendo interessato all’acquisto di una ML,  questa prova e quella di Mauro consentono una valutazione ben diversa da quella desumibile dalle tante pagliacciate viste sul web. Grazie quindi per il tempo dedicato e l’accuratezza delle informazioni.

    • Mi piace ! 2
    • Sono d'accordo 2

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Che Max fosse bravo, lo si sapeva.. ma con questo articolo che meglio non era possibile, si è superato..  quindi un primo premio..  ( come se ce ne fosse bisogno.. )

    • Primo premio ! 2

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Articolo interessante che conferma la bontà del progetto e il fatto che z6 e z7 non siano e non vogliono essere intercambiabili, ma questo sarà più evidente in un test comparativo. Penso sarebbe interessante una prova in autodromo (Mauro di sicuro non se la farà mancare) molto più probante per il mirino elettronico mi sa... Ho la z6 da qualche settimana e la sto apprezzando molto a conferma che è lei la macchina che fa per me e non la sorellona più risoluta.

    Ho avuto modo di apprezzare il bilanciamento del bianco ad alti iso dove ho notato la differenza tra un mio scatto e uno trovato in rete, il posto è lo stesso ma lo scatto trovato in rete tende moltissimo al giallo (e le lampade in zona sono quasi tutte bianche) mentre il mio è più neutro.

    Per quanto mi riguarda trovo l'ergonomia ben studiata, a differenza della concorrenza, pur non essendoci molte differenze come dimensioni però secondo me le Z si impugnano meglio.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Controlla il settaggio del tuo WB Auto e troverai che oltre a tutte le consuete regolazioni standard e premisurazioni puoi presettare ben tre diversi "orientamenti " del bianco Auto: tendente al bianco, naturale, luce disponibile, proprio come nell esempio postato nell ultima imnagine del mio articolo

    wb.jpg.089fdd4a8168fc94b0e073859668e132.thumb.jpg.899cea2f1acacf37ca8904085f518711.jpg

     

    Con le Nikon Z.. si fa presto a dire bianco!🤣

    Ho riscontrato una finezza di potenziali regolazioni del WB superiore alle migliori realizzazioni Nikon. Fino ad oggi... 

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Grazie Max, apprezzo molto. Articolo affascinante, direi troppo. Ottimo contenuto e ottime immagini, spiegazione esauriente e ... appassionata. Il troppo sta nel fatto  che mi agita le viscere, ma non è colite. Come fotografo adesso o come vorrei fotografare in futuro (molti meno uccellini veloci diciamo così ...)  da come la descrivi sembra fatta per me.

     

     

     

     

    PS (Perdona il mezzo OT ma vorrei essere teletrasportato insieme alla Z6 dove hai ripreso quei magnifici gatti) :) 

     

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    7 minuti fa, Silvio Renesto dice:

    Grazie Max, apprezzo molto. Articolo affascinante, direi troppo. Ottimo contenuto e ottime immagini, spiegazione esauriente e ... appassionata. Il troppo sta nel fatto  che mi agita le viscere, ma non è colite. Come fotografo adesso o come vorrei fotografare in futuro (molti meno uccellini veloci diciamo così ...)  da come la descrivi sembra fatta per me.

    PS (Perdona il mezzo OT ma vorrei essere teletrasportato insieme alla Z6 dove hai ripreso quei magnifici gatti) :) 

     

    Nonsoloperte...

    necessaria significa che non sarà mai ridondante in un corredo nel bene o nel male...

    Pensa a me che l ho dovuta restituire.

    E appena riesco metto su gli articoli su 35/1,8 e 24-70/4

    L'adapter FtoZ é un portento proprio come , stancamente, Mauro continua a ricordare.

    I gatti stanno ad Ortigia, vicinissimi al Caravaggio di Santa Lucia... preoccupatissimi per un pitbull che li puntava...silenziosamente 

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Prima i complimenti ed i ringraziamenti per gli sforzi che fate. 

    13 minuti fa, Max Aquila dice:

    L'adapter FtoZ é un portento proprio come , stancamente, Mauro continua a ricordare.

    Poi confermo la validità del FTZ, le ottiche autofocus F mount (Nikon e Sigma) le fa sembrare dedicate come le "S" e con le AIS fa riuscire facile sia la messa a fuoco, sia l'esposizione. E' una vera meraviglia.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    2 ore fa, Silvio Renesto dice:

    Grazie Max, apprezzo molto. Articolo affascinante, direi troppo. Ottimo contenuto e ottime immagini, spiegazione esauriente e ... appassionata. Il troppo sta nel fatto  che mi agita le viscere, ma non è colite. Come fotografo adesso o come vorrei fotografare in futuro (molti meno uccellini veloci diciamo così ...)  da come la descrivi sembra fatta per me.

     

     

     

     

    PS (Perdona il mezzo OT ma vorrei essere teletrasportato insieme alla Z6 dove hai ripreso quei magnifici gatti) :) 

     

    Silvio.. Silvio...  attento alle sirene, quelle ti portano in un mare assai infido...  okkio.. se ti ammali poi sai che fine fai?

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Max, avrei una domanda da farti, perche' purtroppo non sono riuscito a mettere le mani su una Z6: tu hai accertato che il buffer della macchina, scattando a 12 ftg/s in jpg Fine e sequenza H* "non manifesta flessioni di sorta anche scattando sequenze di durata ulteriore", ma cosa succede scattando in NEF 14bit ?

    In altri termini, montando una XQD veloce, tipo le 2933x Lexar, cosa succede dopo quattro/cinque secondi, quando il buffer interno si esaurisce (se si esaurisce...) ? la macchina prosegue imperterrita nella raffica ad alta velocita', come la D500, che anche in NEF non satura praticamente mai il buffer...., oppure la macchina rallenta ed inizia a scattare piu' lentamente, come ha verificato Mauro (se non ricordo male) con la Z7 ?

    Luciano

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Se una macchina scatta in sequenza a 12 ftg/s per un massimo di x secondi in una determinata modalità, è in quel modo (se il parametro ti stia bene) che devi scattare.

    Ogni altro aggravio dei termini della questione apporterà ovvie limitazioni. Per esempio in pari condizioni ma in NEF si resta a 9 ftg/s 

    Non sto ad inventare "test dell'alce" ma metto alla prova una macchina rispetto le sue specifiche: mi interessa render conto del suo buon funzionamento e non cercare il punto di rottura (you tube è pieno di tester di quest' altro genere)

    Considerando quei parametri utili alla effettuazione delle foto che mi serve scattare. Non che mi immagino di poter scattare.

    La Nikon Z6 funziona come promette. 

    Sicuramente ha margini di miglioria che però Nikon trasfonderà su un modello di altra ambizione. 

    Più che necessario, esclusivo...

    • Sono d'accordo 1

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    37 minuti fa, Max Aquila dice:

    Se una macchina scatta in sequenza a 12 ftg/s per un massimo di x secondi in una determinata modalità, è in quel modo (se il parametro ti stia bene) che devi scattare.
    Ogni altro aggravio dei termini della questione apporterà ovvie limitazioni. Per esempio in pari condizioni ma in NEF si resta a 9 ftg/s
    Non sto ad inventare "test dell'alce" ma metto alla prova una macchina rispetto le sue specifiche: mi interessa render conto del suo buon funzionamento e non cercare il punto di rottura

    Infatti, neanche a me interessa minimamente trovare i "punti di rottura" delle macchine, ma usarle per quelle che sono le loro specifiche. Solo che, nel mio caso, diversamente da te, non mi interessa scattare in jpg ma solo in NEF, anche se non raggiungero' i 12 ftg/s ma mi fermero' a "soli" 9 ftg/s oppure a 5,5 ftg/s, come da specifiche della macchina.

    Quello che mi interessa capire, perche' non e' riportato su nessuna scheda tecnica, ma solo l'esperienza pratica di chi l'ha avuta in mano te lo puo' dire, e' cosa succede quando prolungo la raffica un po' piu' a lungo.... e capire se il buffer si satura, con conseguente crollo della velocita', oppure se la macchina  mantiene la velocita' anche in fase di svuotamento del buffer, ad esempio come fa la D500 pur scattando in NEF.....

    Non mi sembra di aver chiesto nulla di strano: credo che tutti coloro che hanno provato una macchina con un buffer risicato (attenzione, non dico che quello della Z6 lo sia...) o con un tempo di svuotamento lungo, conoscono la frustrazione di avere in mano un oggetto che "si pianta" proprio mentre si verifica una azione particolare ed imprevista, che ovviamente non potevi prevedere mentre hai iniziato a scattare, e non hai il tempo materiale per cambiare le impostazioni della macchina, ma puoi solo andare avanti con quelle che hai.

    Modificato da Lucky

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    La Z6 non mi ha dato problemi di buffer anche senza stare a cronometrare la durata della raffica. In jpg e con la mia XQD lexar  2933x mai un impuntamento scattando nelle situazioni illustrate.

    Situazioni dove il NEF è peraltro un lusso se si preveda come ho fatto io di scattare 4500 file in due ore.

    Se poi hai pazienza di attendere il test a confronto con la Z7 di Mauro chissà che non emerga qualche altro ...dato.  

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    7 ore fa, Lucky dice:

    ...

    Solo che, nel mio caso, diversamente da te, non mi interessa scattare in jpg ma solo in NEF, anche se non raggiungero' i 12 ftg/s ma mi fermero' a "soli" 9 ftg/s oppure a 5,5 ftg/s, come da specifiche della macchina.

    ...

    peraltro nonostante in NEF sono certo di aver raggiunto i 9ftg/s , se guardo sul libretto delle istruzioni ne riporta "solo" 8

    InkedCattura_LI.jpg.909691d275ec0b867f8438830f784e10.jpg le variabili sono tante: ciò che importa è che con un utilizzo anche pesante e continuato, nel rispetto però delle sue prerogative, questa macchina non mostra la corda come ho tante volte lamentato su avversarie molto blasonate.

    Tanto per parlare di pregi, comunque abbia scattato, anche dopo fitte sequenze di fotogrammi, si preme il tasto di playback e si rivede tranquillamente a ritroso tutta la sequenza appena realizzata...senza che debbano passare i consigli per gli acquisti. Senza che si blocchi alcun accesso al menù principale.

    Doti...9_9

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Max, l’hai sicuramente già scritto da qualche parte, ma che differenza c’e tra “continuo L”, “continuo H” e “continuo H esteso”?

    Riprendendo le parole di Luciano, mi piacerebbe sapere della verifica su che succede con le attuali XQD a fare una raffica in NEF 14bit molto lunga. Si arriva alla saturazione del buffer con conseguente rallentamento della cadenza di scatto o la macchina riesce a scaricare quanto produce, stile D5/D500?

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    1 ora fa, Massimo Vignoli dice:

    Max, l’hai sicuramente già scritto da qualche parte, ma che differenza c’e tra “continuo L”, “continuo H” e “continuo H esteso”?

    Riprendendo le parole di Luciano, mi piacerebbe sapere della verifica su che succede con le attuali XQD a fare una raffica in NEF 14bit molto lunga. Si arriva alla saturazione del buffer con conseguente rallentamento della cadenza di scatto o la macchina riesce a scaricare quanto produce, stile D5/D500?

    Non ne ho parlato: ho scattato in modo S oppure H* (esteso) e non ho condotto stress test su di un sample come quello a disposizione, sia per motivi di tempo disponibile, sia per i motivi già esposti a Lucky.

    La modalità H* in danno della continuità di esposizione (resta bloccata alla misurazione effettuata sul primo fotogramma) consente a queste macchine di travalicare il limite fisico della loro costruzione: per avere quello che chiedete dovrete aspettare (come ripetuto fino allo sfinimento) altri corpi macchina, espressamente dedicati all'uopo.

    Allego le due pagine del manuale che se ne curano

    82-83.thumb.PNG.45cdb5805d6900ac23ab45a2db4c62e6.PNG

    Nel frattempo, tra le due Z, la 6 consente di avvicinarsi all'utilizzo in condizioni di ripresa dove le macchine che hai citato (D5, 500) sono oggi campioni indiscussi:

    ma che eispetto alla Z6 sono perdenti rispetto gli aspetti salienti di queste mirrorless, evidenziati con altro intento rispetto la tua e di altri curiosità di raffronto.

    Ne approfitto per ribadire che su NIkonland, da Zetaland in poi, non sono più di casa confronti tra reflex e mirrorless: per i motivi che vedi bene anche tu.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Confesso di non essere un fan delle ML (ne ho avute due: una Leica e una Fuji entrambe vendute) ma da quando sono uscite queste due Nikon sembra che nessuno ne possa più fare a meno.

    Posto che ciascuno di noi possa spendere i propri denari come meglio crede (e ci mancherebbe), e anche non considerando che queste due digicamere mi sembrano ancora "acerbe", MI sono chiesto: "ma chi me lo fa fare di acquistare una digicamera che ad oggi possiede solo qualche obiettivo dedicato e con una road map che ne prevede pochini almeno fino al 2020 quando, nel frattempo, saranno uscite le figlie e forse anche le nipoti di Z6 e Z7 ?"

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

     

    7 minuti fa, maurizio angelin dice:

    Confesso di non essere un fan delle ML (ne ho avute due: una Leica e una Fuji entrambe vendute) ma da quando sono uscite queste due Nikon sembra che nessuno ne possa più fare a meno.

    Posto che ciascuno di noi possa spendere i propri denari come meglio crede (e ci mancherebbe), e anche non considerando che queste due digicamere mi sembrano ancora "acerbe", MI sono chiesto: "ma chi me lo fa fare di acquistare una digicamera che ad oggi possiede solo qualche obiettivo dedicato e con una road map che ne prevede pochini almeno fino al 2020 quando, nel frattempo, saranno uscite le figlie e forse anche le nipoti di Z6 e Z7 ?"

    Maurizio, ti rispondo io che qui sono nel novero dei refrattari: Perché il futuro è adesso e la vita è troppo breve per incrociarlo tra 5 anni!
    Battute a parte, se non fai sport o naturalistica di un certo tipo, queste Z sono già ben sopra alle D esistenti.... E pure se fai sport e naturalistica di quel tipo puoi averne vantaggi!

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    10 minuti fa, maurizio angelin dice:

    anche non considerando che queste due digicamere mi sembrano ancora "acerbe",

    Ti sembrano perchè le hai provate a fondo o solo per sentito dire?

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    2 ore fa, maurizio angelin dice:

    Confesso di non essere un fan delle ML (ne ho avute due: una Leica e una Fuji entrambe vendute) ma da quando sono uscite queste due Nikon sembra che nessuno ne possa più fare a meno.

    Posto che ciascuno di noi possa spendere i propri denari come meglio crede (e ci mancherebbe), e anche non considerando che queste due digicamere mi sembrano ancora "acerbe", MI sono chiesto: "ma chi me lo fa fare di acquistare una digicamera che ad oggi possiede solo qualche obiettivo dedicato e con una road map che ne prevede pochini almeno fino al 2020 quando, nel frattempo, saranno uscite le figlie e forse anche le nipoti di Z6 e Z7 ?"

    Benvenuto e ben letto:

    riguardo alla tua domanda ti invito a prestare se ti va un minimo di attenzione anche ai sondaggi e alle discussioni generaliste di Nikonland nella sezione dedicata alle mirrorless: Zetaland

    Le tue domande sono state anche le nostre, ma da molto tempo prima che apparissero sul mercato le Z e ci siamo posti dei quesiti che potranno esserti illuminanti

    Nello specifico ma, sopratutto, in generale nella dicotomia che ormai si pone tra reflex e mirrorless.

    Buona lettura: potrai farti un'idea di come si intenda un forum su Nikonland, senza diatribe campanilistiche nè affermazioni non suffragate da esperienze dirette e personali, tutte ampiamente condivisibili.

     

    Che poi Z7 e Z6 siano macchine acerbe, come poter dire diversamente? Una presentata da tre mesi, l'altra da uno: il fatto è che il mercato aspettava Nikon alla prova dei fatti.

    Non appena è uscita allo scoperto, come dici tu, pare calato il sipario sul resto del mondo.

    Noblesse oblige...

     

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Nikon Z6 e Nikon Z7 sono certamente macchine "acerbe". Il meglio da Nikon lo vedremo alla terza generazione, come è stato con la Nikon D3.

    Detto questo, sono Nikon e nulla hanno a che spartire con Leica (che tranne la SL non fa mirrorless propriamente dette, fa telemetro digitali) e con Fujifilm (che fa modernariato tecnologicamente aggiornato).

    Ma è indubbio che nessun dottore (se non dei "matti") ordinerà mai a nessuno di comprare una Nikon Z, adesso o dopo, salvo che il "paziente" non ne necessiti ... necessariamente adesso.

    Quindi stai sereno e continua ad utilizzare ciò che ti serve e di soddisfa. Ti assicuro che è la stessa cosa che facciamo noi ;)

    Da parte nostra ci premuriamo solamente di suggerire a tutti di domandarsi se, con le potenzialità di una mirrorless già espresse da una Nikon Z, non si troverebbero meglio che con quanto hanno adesso.
    Risposto a quella domanda, magari dopo una pur breve prova di una Z, liberi tutti ! :)

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Appena arrivata, giusto per verificare che tutto fosse ok.

    JPG, raffica in H : 122 scatti prima di azzerare il buffer.
    Una performance di tutto rispetto (con XQD Lexar 2933x).

    Vedremo poi se effettivamente ci saranno dei vantaggi con le CFExpress.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    13 minuti fa, Rudolf dice:

    Appena arrivata, giusto per verificare che tutto fosse ok.

    JPG, raffica in H : 122 scatti prima di azzerare il buffer.
    Una performance di tutto rispetto (con XQD Lexar 2933x).

    Vedremo poi se effettivamente ci saranno dei vantaggi con le CFExpress.

    certo non potranno esserci, sulla Z6, degli svantaggi.

    Piuttosto se ne avvantaggerà la tua Z7, immagino

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti



    Crea un account o accedi per lasciare un commento

    You need to be a member in order to leave a comment

    Crea un account

    Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

    Registra un nuovo account

    Accedi

    Sei già registrato? Accedi qui.

    Accedi Ora

×