Vai al contenuto
  • Rudolf
    Rudolf

    Ma perchè desideriamo così tanto una mirrorless ? [ed 2018]

    Sembrerà una domanda peregrina ma l'interrogativo è d'obbligo.

    Qualcuno potrebbe semplicemente dire : perchè le mirrorless sono il futuro mentre le reflex rappresentano il vecchio.

    Vero fino ad un certo punto. Perchè certamente le reflex hanno circa 80 anni di storia sulle spalle ma le telemetro - le mitiche Leica M, transitate felicemente al digitale - hanno circa un secolo.
    Eppure non si parla di una loro possibile soppressione per via legale. Anzi, forse non hanno mai vissuto un momento di spolvero come quello attuale.
    Però entrambi i sistemi sfruttano dispositivi ottici che sono anche più vecchi e che di fatto, industrialmente sono superati.
    Il telemetro è stato sostituito da laser e radar, mentre il periscopio (cui il sistema relfex fa direttamente riferimento) si usa solo in sistemi economici ma è stato sostituito dall'elettronica in ogni altra installazione.

    Le mirrorless quindi rappresentano il futuro e per questo vanno tenute in considerazione.
    In linea di principio è vero ma noi siamo fotografi e i fotografi devono essere innanzitutto pratici. La fotografia è un atto materiale, comincia con un click e si chiude con una stampa.
    Non è speculazione filosofica e nemmeno dissertazioni economico-finanziarie.

    Peraltro, se le mirrorless rappresentano - teoricamente il futuro - è anche vero che le reflex hanno un livello di maturità che, specie nell'ultima generazione (Nikon D5/D850/D500 e Canon 1Dx Mk II) ha raggiunto livelli difficilmente superabili senza radicali investimenti.
    E la gran parte di noi già dispone di un corredo di ottiche da reflex di tutto rispetto su cui contare utilizzando le reflex.
    Inoltre in questo momento abbiamo la fortuna che le migliori reflex disponibili sul mercato ... sono Nikon ! :marameo:

    Quindi tornando al quesito, perchè siamo così interessati alle mirrorless ? Che cosa ci promettono che le reflex non ci possono dare ?

    Autofocus

    Come sappiamo da tempo, le reflex utilizzano un sistema di messa a fuoco che prevede un sensore dedicato, messo dentro al mirino, che riceve una immagine tramite uno specchio secondario.
    Questo sistema lavora a differenza di fase ed ha tolleranze bassissime, imposte dalla geometria del mirino stesso e dalle dimensioni del mirror box.
    In live-view invece, le reflex funzionano per lo più con autofocus a contrasto, preciso ma lento, incapace di seguire soggetti in rapido movimento.

    Le mirrorless invece - tutte quelle moderne - dispongono di una messa a fuoco che sfrutta direttamente il sensore di immagine. Possono essere a differenza di contrasto, a differenza di fase e in quelle più efficienti, con entrambe.
    In pratica una certa serie di punti del sensore viene accecata e il sistema misura la differenza di fase tra due punti adiacenti, uno illuminato e uno accecato, per gestire la messa a punto.
    Non solo, il sistema si incarica di passare da un metodo all'altro in fase di messa a punto.
    Il metodo a differenza di contrasto è molto più preciso sebbene molto lento. Quello a differenza di fase meno preciso ma veloce. Una efficace gestione della transizione tra i due sistemi è il punto di forza dell'ultima generazione di mirrorless.

    Il primo beneficio che mi viene in mente dall'eliminazione del sensore separato per la messa a fuoco è l'eliminazione virtuale di tutti i problemi di messa a fuoco e taratura insiti in ogni obiettivo presente sul mercato. Un problema che i produttori hanno cercato di ovviare con la taratura fine dell'AF (che sull'ultima generazione di reflex Nikon è automatica) fino alla disponibilità di un dispositivo USB introdotto per prima da Sigma, che permette la messa a punto fine di ogni fase della messa a fuoco.

    Sigma-Dock-6.jpg
    il programma Sigma Optimization Pro e la taratura alle varie focali e distanze della messa a fuoco del Sigma 120-300/2.8 Sports. Un processo efficace e preciso ma anche molto lungo da ottimizzare.

    Le mirrorless "virtualmente" bypassano tutta questa materia. Ogni obiettivo si autoregistra perchè la messa a fuoco viene fatta direttamente sull'immagine e non su un sistema separato.
    Una cosa non da poco, specie pensando alla necessità di avere messe a fuoco perfette con le risoluzioni oggi in gioco di 40 e più megapixel.

    Messa a fuoco

    Il secondo punto di forza è proprio sulla messa a fuoco.
    In primis sulla distribuzione dei punti di messa a fuoco.

    Con le Nikon D5/D850/D500 disponiamo di una matrice di punti già ben estesa e numerosa :

    $6D2E0D7A0F3ECF45.jpg

    che può essere modulata a seconda delle necessità di scatto, del tipo di soggetto, specialmente per fotografia dinamica sportiva o di natura.

    $382D3FF5B096D0A0.jpg

    messa a fuoco dinamica a 25 punti con il punto centrale mantenuto sul soggetto. La macchina transita automaticamente sul punto più nitido all'interno del gruppo di 25.

    $359748FCD2A5161A.jpg inseguimento dinamico di un soggetto in movimento con la modalità ad area a 9 punti

     

    la questione é che le reflex non possono avere punti di messa a fuoco fuori dall'area centrale

    5aa8e3fe2ee35_4536E72FAA907268.jpg.ca0026cac16042db8f6e3fb211f3a7d0.jpg l'inquadratura tipo delle nostre full-frame D5 e D850

    mentre le mirrorless dell'ultima generazione possono avere anche centinaia di punti distribuiti praticamente su tutto il frame

    focusarea.jpg i punti di messa a fuoco della recente Sony A7 III, modello di base della terza generazione

    a questo punto immaginiamoci come cambia il giochino della messa a fuoco dinamica per soggetti in movimento potendo disporre delle varie modalità di inseguimento ad area con una matrice così popolosa.

    Mi spiego con un caso pratico.

    Modella distesa con il capo in alto a destra dell'inquadratura.
    Con una reflex non c'è modo di coprire il viso e l'occhio se non passando in Live-View

    d5x.thumb.jpg.edd0c219d5785bdd427344cba5f6d34b.jpg

    qui la messa a fuoco è stata fatta con la D850 in live-view con riconoscimento automatico del volto (e dell'occhio).
    Il sistema è preciso ma inefficiente, lento e incapace di seguire rapidi movimenti, specie se il soggetto si avvicina o si allontana dalla camera.

    d850_autofocus-745x419_jpg_optimal.jpg

    con una mirrorless invece abbiamo l'inseguimento a tutto frame anche a mirino, con il sistema a differenza di fase.
    Segue il viso ma se vogliamo segue proprio l'occhio più prossimo a noi

    Sony-3019383338-81d28a21c7133dbd8397227ecc164a17fmtpngscl1-mobile.png

    generalmente senza sbagliare, anche se scattiamo a raffica.
    E soprattutto con una animazione che rende chiara l'operazione, cosa che nessuna reflex invece ci consente.

    Intendiamoci, D5, D500 e D850 hanno il riconoscimento del volto e dell'occhio più prossimo pure a mirino reflex.
    Ma solo nei punti di messa a fuoco e solo ... a fiducia, perchè nessuno ci dice che la macchina effettivamente ci ha preso mentre noi stiamo scattando :(

    Mirino Elettronico contro Mirino Ottico

    Questa è l'essenza stessa dell'essere mirrorless, cioé di non avere più lo specchio che oscura il sensore di immagine ma di avere il sensore di immagine sempre in presa che illumina ... il mirino elettronico.
    Già, il mirino elettronico che nelle ultime realizzazione ha raggiunto prestazioni ragguardevoli con oltre 4 megapixel, ingrandimenti tipo 1x, frequenze di refresh da monitor di studio.
    Che oltre alle cosine sull'autofocus, permette una visualizzazione che per le reflex è impossibile.
    Rivedere a mirino lo scatto appena fatto, esattamente come è stato fatto.
    Avere l'anteprima dello scatto che stiamo facendo, l'attimo prima di farlo che tiene conto delle impostazioni effettivamente di scatto (e non sempre e genericamente l'anteprima a tutta apertura, senza alcuna compensazione etc. etc.).
    Avere a mirino informazioni che in una reflex sono impossibili da visualizzare (tipo istogrammi, orizzonte, luci ed ombre)
    Avere a mirino direttamente il menù.
    Avere a mirino immagini con amplificazione di luce al buio. Non certo in Vistavision, più simili alla visione notturna con i visori militari, ma in assenza di luce, utilissimi.
    Avere a mirino aiuti per la messa a fuoco manuale, impossibili da avere nel mirino ottico di una reflex (possibili in live-view ma solo su treppiedi).

    Con il mirino elettronico e lo scatto silenzioso con l'otturatore elettronico si può avere una visione virtualmente senza oscuramento, mentre con le reflex durante la raffica lo specchio oscura n volte al secondo la nostra inquadratura.

    Non avendo meccaniche impegnative, infine, le macchine sono meno soggette alle vibrazioni e, con una elettronica potente, ci si può aprire a cadenza di scatto ben superiori ai canonici 8-12 scatti al secondo delle nostre reflex più potenti.

    Ma naturalmente un mirino elettronico non offrirà mai la stessa naturalezza della visione diretta per via ottica, specie in condizioni di luce sfidante.

    Sviluppi futuri

    Certamente le reflex si possono sviluppare ancora nel futuro. Ma a costo di investimenti ingenti che di fronte al calo generalizzato delle loro vendite io vedo sempre meno probabili da parte di ... Canon, Nikon e Pentax, gli ultimi costruttori di reflex (dimentichiamoci di Hasselblad e Phase One che presto o tardi passeranno alle mirrorless, con i nuovi sensori dedicati anche al video).
    Ma sarà nelle mirrorless che avremo i passi avanti più importanti, anche in termini di funzionalità per ora solo abbozzate.

    Mi riferisco in particolare all'introduzione del Global Shutter la cui fase di industrializzazione avverrà tra il 2018 e il 2020 e che consentirà di evitare alcuni dei difetti degli otturatori elettronici attuali, compresa l'impossibilità di sincronizzare i flash.

    E più in generale, avendo prevalenza elettronica, una mirrorless si può aggiornare anche solo via firmware, implementando funzionalità possibili in termini di potenza di calcolo magari anche su una reflex ma impossibili su una reflex per la presenza ... dello specchio.

    Ma ci serve davvero una mirrorless ?

    Qui entriamo in una fase di introspezione più personale.
    Perchè un conto è la tecnologia disponibile, un conto è la nostra indole e predisposizione ad utilizzarla.

    Infine c'è la questione corredo.

    Io escludo - è un dato di fatto - che con le mirrorless, anche con i migliori adattatori, gli obiettivi da reflex offriranno il massimo delle loro prestazioni, paragonandone l'uso con analoghi obiettivi pensati per le mirrorless.
    Ma sta di fatto che un 600/4 o un 200-400/4 sono obiettivi difficili da sostituire per passare ad una mirrorless.

    Quindi ognuno si interrogherà sulle sue esigenze e sulle sue disponibilità.

    Un paesaggista già con la D850 può fare - su treppiedi - ogni cosa che farebbe con una mirrorless.
    Ma con una D850 non si può fare a mirino ottico ciò che si può fare con le migliori mirrorless esistenti.
    E non si può seguire in scatto silenzioso una civetta delle nevi in caccia.

    E via spropositando.

    Dove non vi seguo e non vi seguirò mai, perdonatemi, è sulla via dei pesi e degli ingombri.
    Le fotocamere da borsetta per signorine emaciate, non rientrano tra i miei interessi personali :marameo:

    Una fotocamera troppo leggera con un obiettivo di latta, per me è un fastidio, non un vantaggio !

    Modificato da Mauro Maratta

    • Mi piace ! 7
    • Primo premio ! 1
    • Sono d'accordo 3



    Feedback utente

    Recommended Comments



    1 ora fa, bergat dice:

    Non so se avete visto le foto della mirrorless Canon  m50 su DP-review. Se quelle sono le foto di una mirrorless APS-C...... spero aggiustino fortemente il tiro con una full frame. O l'ottica è una completa ciofeca, oppure sono ancora in alto mare.

     

    50 minuti fa, Mauro Maratta dice:

    Che ha di peggio della Fujifilm X-A5 ?

    Mentre Sony si lancia (se non si tratti di Pesce d'Aprile) in una nuova avventura, principalmente basata sulla combinazione tra modularità e prezzi ... più umani

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Thom Hogan é stato più simpatico, annunciando, ieri, il suo abbandono di Nikon per Sony ... :marameo:
    Dopo aver spedito tutto il suo materiale Nikon a B&H per la vendita coattiva all'asta, ha preso un armadio nuovo per le batterie Sony :tie:

    • Primo premio ! 1

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    Il 1/4/2018 at 20:36, Mauro Maratta dice:

    Che ha di peggio della Fujifilm X-A5 ?

    Guarda come impasta il fogliame

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    E tu hai visto come impasta tutto quanto la XA5 con il suo fantastico 15-45 ?

    É tutta roba entry-level, inutile stare a confrontarla.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    No non ho provato quell'obiettivo, ma sono d'accordo con te . I ciofecon di qualsiasi marca non servono a molto.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    7 ore fa, bergat dice:

    No non ho provato quell'obiettivo, ma sono d'accordo con te . I ciofecon di qualsiasi marca non servono a molto.

    Ma al netto dell'obiettivo, la Canon EOS 50M non ha nulla da invidiare a qualsiasi altra mirrorless entry-level del mercato. A parità di prezzo, nessuno ti da di meglio.
    E non credo che l'acquirente di questo genere di macchine desideri montarci sopra il prossimo 200/2 Fujifilm da 5000 euro.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Il mio discorso nasceva da una prova di sample fotografici fatti da Dp-review che indubbiamente forse non si sono posti il problema dell'obiettivo. Io ho solo valutato il risultato finale dell'immagine. La M50 è certamente un entry level, ma non costa proprio poco ( sui 1000 euro correggimi se sbaglio) e a quel prezzo una fuji X-E3 la preferisco decisamente

    Modificato da bergat

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Non lo so perché mi piacciano così tanto le mirrorless da essere felice anche quando ho a disposizione la mia Sony preferita (....fino a quando non vedrò una ml Nikon) ossia la Sonya 9

     

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Sinceramente io tutta questa felicità nel maneggiare una Sonny proprio non la vedrei.

    In un futuro Nikon, magari ... :marameo:

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    3 ore fa, Max Aquila dice:

    Non lo so perché mi piacciano così tanto le mirrorless da essere felice anche quando ho a disposizione la mia Sony preferita (....fino a quando non vedrò una ml Nikon) ossia la Sonya 9

     

     

    3 ore fa, Rudolf dice:

    Sinceramente io tutta questa felicità nel maneggiare una Sonny proprio non la vedrei.

    In un futuro Nikon, magari ... :marameo:

    infatti io scrissi "Non lo so perché mi piacciano così tanto le mirrorless"...:fotografo: deve essere che ispirano un ... "sogno di libertà" come disse il Poeta ai suoi adepti...

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    Il 4/4/2018 at 08:18, Rudolf dice:

    Ma al netto dell'obiettivo, la Canon EOS 50M non ha nulla da invidiare a qualsiasi altra mirrorless entry-level del mercato. A parità di prezzo, nessuno ti da di meglio.
    E non credo che l'acquirente di questo genere di macchine desideri montarci sopra il prossimo 200/2 Fujifilm da 5000 euro.

    Riprendo il discorso per dirti che al di la dell'immagine, ha molte meno funzionalità di una fuji. E non parlo di comandi esterni ma di alcune funzionalità importanti, tipo: modalità di ripresa, ausilii alla messa a fuoco manuale ecc. Insomma è una macchina per coloro che usano il telefonino per fare fotografie.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Dubito sinceramente che chi compra una EOS 50M badi o anche solo conosca quelle funzionalità.
    Nella realtà dubito anche del possibile acquirente di una Fujifilm X-A3/5/10 che non sono sicuro abbiano tutta quella roba li (mai vista una ma mi dicono che ne vendono molte più delle vostre X-T in Giappone !).

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    Il 1/4/2018 at 07:34, Rudolf dice:

    Dubito, Canon e Nikon faranno mirrorless piccoline solo in piccolo formato.

    Quelle full-frame non saranno dissimili dalle reflex FX.

    Del resto la tendenza è a crescere, basta pensare a Panasonic G9 e GH5s, oltre alla recente Fujifilm X-H1 per vedere dove le case stanno andando.

     

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti



    Crea un account o accedi per lasciare un commento

    You need to be a member in order to leave a comment

    Crea un account

    Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

    Registra un nuovo account

    Accedi

    Sei già registrato? Accedi qui.

    Accedi Ora

×