Jump to content
  • Bilbo
    Bilbo

    Z... Onore al merito (a Nikon, a Nital)

    La Nikon F3 in questo editoriale vuole simboleggiare l'eredità che il marchio Nikon si porta dietro. Quella reflex non è stata il picco più alto della sua capacità industriale ma, lanciata ancora prima della nascita della Nikon Corporation che conosciamo oggi, è per la nostra generazione la reflex professionale affidabile e longeva per antonomasia.

    Nikon ha festeggiato due anni fa i suoi primi 100 anni di storia. Nella sua rinascita come industria fotografica (e tecnologica) da più di 70 anni significa fotografia. Un marchio iconico, celebrato anche nel cinema e in musica ed entrato nel costume di tutti i giorni.

    I got a Nikon camera
    I love to take a photograph

                                   (Paul Simon)

    telegraph.jpg.a06f3e8e4a1fdc9d7737dfe4516f2bb1.jpg.0e8ee1d06946cd462a96265afd59bbf7.jpg
    Yul Brynner in vacanza in Spagna con la figlia, nel 1970, al suo collo la sua nuova Nikon F2

     

    Ovviamente nella sua lunga storia non ha sempre vissuto negli allori, le situazioni congiunturali e i cicli di mercato ne hanno ovviamente influenzato la vita di tutti i giorni, come è successo nelle nostre vite.
    Ma Nikon per chi ne è fedele cliente da decenni, ha sempre rappresentato una certezza concreta, di affidabilità, di prestazioni. Anche quando ha subito la concorrenza e le innovazioni proposte dagli altri marchi.

    Da queste pagine, soprattutto da quelle di Nikonland 1.0, non abbiamo mai fatto mancare le nostre critiche, quando Nikon ci ha mostrato prodotti marginalmente differenti (le sequenze di D7000, D5000 o D3000, dei tanti 18-55mm tutti uguali tra loro, per non parlare delle innumerevoli Coolpix più o meno tutte uguali, più o meno tutte ... tutto tranne che delle vere Nikon).
    Certo abbiamo portato pazienza perchè nel recente passato Nikon ha dovuto passare attraverso un maremoto, una inondazione devastante e solo due anni fa, una profonda ristrutturazione aziendale con un piano di pre-pensionamenti difficile da realizzare per quella mentalità.
    Siamo stati indulgenti pensando alla minaccia degli smartphone e al calo di fatturato di tutta l'industria fotografica ad essa conseguente.

    Ma non abbiamo potuto esimerci dal puntare il dito sulla mancanza di coraggio, di cura e di attenzione verso le esigenze dei clienti, della scelta di non aggiornare in larga parte il parco ottiche anche per pezzi importanti, a fronte del lancio continuo di nuovi modelli di fotocamere.

    Fino al fiasco del lancio in grande stile delle Nikon DL e la loro successiva eutanasia prolungata ... a stento. Per non dimenticare del tradimento delle Nikon 1, prime assolute in molti campi (un esempio su tutti : l'autofocus a rilevazione di fase) e poi lasciate morire nonostante migliaia di appassionati nikonisti vi avessero investito migliaia di euro.

    E con le lacrime agli occhi, vedendo contabili improvvisati manager che reggevano forzatamente tra mani malferme gioielli e capolavori come la D4 e la D5, degne eredi di quella F3 che da ragazzi non ci potevamo permettere. Fino ai 100 anni e alla presentazione della D850 il cui squillo di tromba, forse tardivo, forse anticipatore, accompagnato solo limitatamente da ottiche alla sua altezza, ha mostrato che il vento stava cambiando.
    Quel giorno noi abbiamo intravisto il segnale che potevamo smettere di distrarci con i prodotti di altri marchi cui l'immobilismo rigido di Nikon in un certo modo ci aveva costretti, che la ricreazione era finita.

    ***

    Siamo stati critici e ne andiamo fieri, perchè da nikonisti di vecchia data non ne facciamo una questione di tifoseria ma di rispetto reciproco.

    Sentiamo oggi il dovere di dare merito ed onore a Nikon, di una inversione di atteggiamento e di inclinazione verso il cliente, totale.

    Il lancio delle Nikon Z - che non rappresentano il non-plus-ultra del mercato ma che, per una prima generazione, contengono già tutto ciò che ci può essere in una mirrorless per stare sul mercato oggi - coincide con una Nikon vivace, dinamica, attenta, rapida.

    Aggiornamento del firmware con incremento di prestazioni e di caratteristiche, campagne di rottamazione, di scontistica, di cash-back. Novità, presenza alle fiere.
    Roadmap.
    Parole che erano diventate desuete, di routine o prive di significato effettivo nell'ultima Nikon, sono adesso modi di fare e non slogan di marketing.

    I nuovi obiettivi Nikkor Z - alla cui base c'è la scelta di un nuovo attacco e di un nuovo tiraggio, la vera ragione d'essere della nuove fotocamere - che si dimostrano nei fatti, di una intera categoria superiore rispetto ai pariclasse precedenti per reflex.
    Una cura nel dettaglio, anche sul piano del colloquio con i software di sviluppo.
    L'apertura, finalmente, a quelli che sono lo standard de-facto del mercato, anche quando non hanno il marchio Nikon.
    La decisione di essere lungimiranti, sia nelle scelte progettuali che nella definizione delle qualità specifiche (come l'adozione, da apri-pista, di schede di memoria di nuova generazione, di prestazioni e affidabilità indubbiamente superiori alle altre. Quando - ve lo ricordate ? - sulla Nikon 1 V3 c'era stata la caduta verso l'abisso con le micro-SD ...).

    Una nuova Nikon che siamo sicuri saprà stupirci con proposte continue, nella ricerca dell'eccellenza come è sempre stato.
    Meritandosi, adesso si, senza troppa benevolenza, la pazienza che ci vuole nell'attendere che dal forno esca il pane più buono ... come siamo sicuri saranno le prossime Nikon Z.
    Perchè lo sconto è certamente beneaccetto, le offerte pure, ma a nulla valgono senza validi prodotti che puntano all'eccellenza, eredità di Nikon.

    ***

    Bella forza, direte (ed avete ben ragione a dirlo) é il mercato, è la congiuntura che lo impone. Chi vive di rendita può decidere di fare come crede, quando la tua prosperità è minacciata dalla concorrenza esterna (gli smartphone ma anche i concorrenti partiti prima nella progettazione di mirrorless, giunte alle terza o quarta generazione) allora o cambi o muori.
    E' vero ma seppure ci sono sempre margini di miglioramenti, non ci saremmo mai nemmeno nel migliore dei mondi possibili immaginati un tale cambio di passo.
    E per questo motivo ci sentiamo di rimarcarlo, rendendo onore a quello che si conferma il nostro fornitore primo di materiale fotografico (di questo parliamo mica della fede nella vita che verrà, era ovvio, no ?).

    Bella forza, direte ancora voi (ed a ragione), il nuovo corso di Nikon e le difficoltà di stare sul mercato, stanno influenzando anche i distributori locali, certamente anche Nital.

    E' vero. Ma anche qui c'è modo e modo di fare. E quello che stiamo vedendo da parte di Nital sia nella comunicazione, sia nella gestione dei contatti con la clientela, anche verso il singolo ordine di importo modesto, non siamo abituati a vederlo a nessun livello, anche in un mondo che parla di customer care e customer satisfaction e poi si comporta secondo la convenienza del proprio conto economico. Retention e fidelizzazione, restano parole vuote e slogan di marketing finchè le persone non le riempiono di significato.

    Le persone sono le stesse di 10-15 anni fa, ma il modo di essere è diverso. Ed è genuinamente diverso.

    L'abbiamo testimoniato su queste pagine (su Nikonland 1.0) che l'unico contatto prima del 2016 con Nital per Nikonland, era stato l'avviso di non utilizzare il logo Nikon di cui non eravamo autorizzati a disporre, nemmeno a fini divulgativi (non sfuggirà a nessuno quanto questo sito sia totalmente avulso da ogni considerazione mercantile e che l'esporre il marchio Nikon va a tutto vantaggio di Nikon e non nostro).
    Ma dopo un'occasione fortuita officiata da un comune contatto ad un Nikon Day per la presentazione di D5 e D500 si sono aperte le relazioni.

    E oggi possiamo ben dire che Nikon Italia esiste, ha un volto, una voce e soprattutto parla con noi, ponendosi come interlocutore qualificato - ovviamente ! - per quanto riguarda i nostri interrogativi tecnici ma anche per la disponibilità a consentirci la visione di quanto di nuovo viene presentato da Nikon, quando prima eravamo costretti a procurarcelo (di tasca nostra ...).
    Siamo certi così di poter offrire apertamente il nostro punto di vista di fotografi nikonisti direttamente al nostro produttore, con un dialogo franco e costruttivo.

    Che resta naturalmente svincolato da obiettivi di natura commerciale (visto che noi non vendiamo niente e che continuiamo a comperare con i nostri soldi quanto ci serve per fotografare) ma che così è potenziato nelle sue possibilità.

    Ma soprattutto, la cosa più importante, perchè Nikonland non lo è altrettanto, stiamo assistendo ad un sforzo quotidiano di attenzione ai clienti, a tutti i livelli, da parte di Nital, tale per cui, sinceramente, oggi l'acquisto di materiale Nikon di importazione parallela o con garanzia non ufficiale italiana, non vale più la pena per un piccolo risparmio economico, difficile da mettere all'incasso sul medio periodo rispetto al vantaggio di colloquiare direttamente con il distributore ufficiale nazionale.

    ***

    Quindi onore al merito, sia a Nikon che a Nital, condividendone adesso (!) sia le ragioni che gli obiettivi, pronti a fare la nostra parte nel nostro piccolo e fintanto che ci sarà possibile (Nikonland non è una azienda ma un piccolo organismo che vive delle vite dei suoi partecipanti e quindi soggetto a tutte le cose della vita degli esseri umani).
    Ci auguriamo di poterlo testimoniare a lungo, godendo dei prodotti Nikon e del rispetto che ogni cliente Nikon merita da Nikon e dai suoi esponenti, pronti a ricambiare con il nostro affetto e ovviamente con i nostri €€€€€€€ a fronte di prodotti validi offerti a prezzi onesti.

     

    David_Douglas_Duncan_2012_0479_b.thumb.jpg.74b429bbf10d58392fe1b16d5ff96271.jpg.1bb716842639c6b78b3ce91601cd6603.jpg

    magari non osiamo sperare di farlo a lungo come Dave Douglas Duncan (che a 102 anni ancora si faceva ritrarre con la sua F in mano) ma quello che ci auguriamo è di vivere da nikonisti il più a lungo possibile ... !

    Edited by Parsifal



    User Feedback

    Recommended Comments

    Splendido articolo, mi ha quasi commosso, risvegliando in me l'orgoglio di essere Nikonista (critico) da quarant'anni.

     

    • Haha 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Io aggiungo che, come scriveva Mel Brooks... "è bello essere il re !" e deve essere bellissimo infatti comandare dall'alto di una insegna celebrata e venerata come quella di Nikon:

    ma che poi, a parlare con i sudditi/(clienti) ci vogliono anche i giusti intermediari.

    E che se negli anni da che scriviamo, ci siamo lamentati di Nikon, molto spesso lo abbiamo fatto anche in relazione agli intermediari che si frapponevano tra Nikon ed il nostro acquisto.

    Il nuovo corso del Marchio non poteva prescindere da questo fondamentale aspetto del Customer Care: ed è la rivoluzione che più mi ha colpito e che sta determinando il successo del "mirrorless reinvented" dello spot Nikon.

    Per la verità data già dalle presentazioni delle citate da Mauro D5 e D500 e successivamente della D850 del 2017:

    quando la capacità del distributore nazionale Nital, presieduta da Aldo Winkler e rappresentata da tutti i suoi collaboratori, si è resa trasparente, finalmente, a tutti noi clienti, non solamente ai professionisti.

    Il divario tra le prestazioni delle fotocamere si è assottigliato, non esistono più prodotti appositamente sottodimensionati che facevano fare cassa ma restavano invariabilmente lontani dalle esigenze più specifiche e determinavano una differenza tra clienti di serie A e clienti di serie B.

    Oggi per Nital 1 vale 1 e ogni cliente è prima di tutto persona.

    Ne stiamo beneficiando tutti in termini di aggiustamento dei listini imposti da Nikon e calmierati da successive, tolleranti e congrue campagne di sconti e di cashback, miranti a dare a tutti l'opportunità di venire in pssesso degli strumenti desiderati.

    Nulla di paragonabile a ciò che subdolamente in campo automobilistico (per citare un esempio noto a tutti) stanno facendo le Case più altisonanti, le quali mirano a scontare ciò che tra pochi anni (o mesi) gli sarà impedito di produrre e , se venduto, sarebbe oggetto di tassazioni sul cliente finale.

    No.

    Nital e Nikon (per invertire il titolo dell'articolo di Mauro) si stanno producendo in uno sforzo mai visto in questo ambito merceologico in Italia per lasciare contenti tutti i potenziali acquirenti.

    Resta solo un tassello da regolare: i negozi autorizzati... che si devono allineare su Nikon a questa categoria mentale che viene perseguita da Tokyo e da Moncalieri.

    Devono comprendere che vendere Nikon è vendere un prodotto differente dagli altri dello stesso settore: perchè differenti sono i Clienti che vogliono Nikon.

    6f44780c-2baa-4194-9e3d-28aa7010b937.thumb.jpg.5f763373ec13b651fdd1b033af7a6d48.jpg

    • Like 1
    • Haha 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    E' vero, perchè Nikon decide - in base ad esigenze sue di natura industriale, di approvvigionamenti, di negoziazioni con i suoi fornitori, in base alle disponibilità di manodopera e di capacità produttive, di disponibilità della necessaria tecnologia - quali prodotti lanciare, quando e a che prezzo e come promuoverne la vendita.

    Ma poi la negoziazione dei budget, le campagne di vendita, i contatti con i grossisti, distributori e dettaglianti e soprattutto con i clienti per la fase post-vendita sono devolute ai distributori nazionali che devono conoscere il proprio mercato e sapere con quale tipo di sensibilità soddisfarlo.

    I clienti Nikon sono differenti dagli altri ed ho anche più di una impressione che i nikonisti italiani siano differenti dagli altri nikonisti ;)

    • Like 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Articolo sublime, al limite della commozione. Inoltre, ha consolidando ancora di più il mio essere Nikonista, che ormai dura fino dai tempi della gloriosa F3.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Che dire, bravissimo Mauro (e anche Max nella chiosa). Veramente "I got a Nikon" è un inno.

    Sono anch'io fiero di essere nikonista. E di far parte di Nikonland.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Bell'articolo, mi ritrovo nell'orgoglio di essere un cliente, utilizzatore ed innamorato NIKON!

    Aggiungo un paio di considerazioni.

    La prima è che a Milano c'è almeno un rivenditore che colloco nel novero dei super professionisti capaci di stare nello spirito indicato, ed è NewOldCamera (di cui sono un vecchio cliente del mercato dell'usato ed uno recente per il nuovo Nikon, ma già fidelizzato da un trattamento "cinque stelle lusso"). Veramente Outstanding!

    La seconda è che la cura del cliente Nital la deve dimostrare anche nell'assisterlo quando ha problemi e non solo con la migliore promozione commerciale all'atto dell'acquisto. Nella mia storia di nikonista - oltre 15 anni - ho avuto solo 3 volte bisogno dell'assistenza, a conferma del fatto che Nikon, evidentemente, progetta e costruisce bene i suoi prodotti. Il problema è stato sempre risolto, ma l'esperienza 2 volte su 3 è stata mediocre per un trattamento del caso francamente inadeguato. Scrivo questo non per lamentela, alla fine il bilancio è positivo e per questo continuo a comprare prodotti gestiti da Nital, ma per sprone a fare di più e meglio intervenendo dove c'è margine di miglioramento.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Non posso che complimentarmi con con Mauro per la bella analisi e la curata sintesi dello stato e del pregresso. Rimango scettico sulla questione Nital. Sui corpi macchina vedo ancora un grosso divario di prezzi  e bada che ho sempre acquistato corpi by Nital, ma da D5/D500/D850 il gap l'ho trovato importante: 500 euro di risparmio su una D500 sono parecchi per me, non essendo parente dell'Agacan li sento sul mio bilancio, ed assai poco me ne cala di 4 anni di garanzia e per uno strumento che per non farlo funzionare devi prenderlo a martellate (in perfetto Nikon Style).

    Credo invece che su certi obiettivi sia il produttore a stringere la  cinghia: il 500/5.6 non è di facile reperimento ed effettivamente  dove lo si trova è a un paio di centoni meno del prezzo Nital. Sui super tele, dati i prezzi particolarmente alti, è vero che in %  il gap è piccolo ma in valore assoluto... con 2000 euro di risparmio sai quanti motori AF- s mi faccio sostituire da chi so io? 

    vediamo come evolverà, spero che tu abbia ragione e che il concetto "non c'è + trippa per gatti " sia arrivato anche a Torino.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Valerio, premesso che credo che l'esperienza che porti non sia di strettissima attualità (hai provato a negoziare l'acquisto di un 500/4 o di una D500 Nital oggi ?), penso non ti sarà sfuggito come tutto questo panegirico abbia come soggetto sostanzialmente le Z ;) 

    Temo inoltre che per quasi tutti i fotografi Nikon sia chiaro come il secondo centenario della gloriosa storia Nikon (nata è vero con grandi formati militari, poi con ottiche Canon, poi con telemetro, poi con reflex a pellicola, per poi diventare reflex digitali e quindi ...) sarà legato a quadruplo filo con le mirrorless e i successivi sviluppi delle tecnologie prive di meccanica e dotate di elettronica "intelligente".

    :)

     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Come Nikonista dal 1968, non posso che plaudere alle considerazioni espresse da Mauro. Sono nikonista con orgoglio e sono convito della sua forza progettuale e innovativa che si riaffermerà presto con estrema decisione. Certo che il  vecchio distributore Cofas rappresentava perfettamente la consapevolezza  dell'immagine Nikon. Qualcosa si è perso con il cambio di distribuzione in Italia e l'avvento di Nital,  IMHO, non è stato dei migliori. All'aggiunta di un aggravio dei prezzi di vendita non ha fatto da contraltare una assistenza degna di questo nome.

    Forte della qualità del prodotto, ho avuto solo due volte la necessità di servirmi dell'assistenza , ma sono rimasto molto deluso del trattamento e dei cavilli creatimi, al punto tale che nonostante ciò, ho dovuto mettere mani al portafoglio per veder riparato il mio prodotto Nikon.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    27 minuti fa, bergat dice:

    Come Nikonista dal 1968, non posso che plaudere alle considerazioni espresse da Mauro. Sono nikonista con orgoglio e sono convito della sua forza progettuale e innovativa che si riaffermerà presto con estrema decisione. Certo che il  vecchio distributore Cofas rappresentava perfettamente la consapevolezza  dell'immagine Nikon. Qualcosa si è perso con il cambio di distribuzione in Italia e l'avvento di Nital,  IMHO, non è stato dei migliori. All'aggiunta di un aggravio dei prezzi di vendita non ha fatto da contraltare una assistenza degna di questo nome.

    Forte della qualità del prodotto, ho avuto solo due volte la necessità di servirmi dell'assistenza , ma sono rimasto molto deluso del trattamento e dei cavilli creatimi, al punto tale che nonostante ciò, ho dovuto mettere mani al portafoglio per veder riparato il mio prodotto Nikon.

    Infatti qui stiamo parlando del 

    2018-2019

    Il 24/5/2019 at 13:20, Max Aquila dice:

    Io aggiungo che, come scriveva Mel Brooks... "è bello essere il re !" e deve essere bellissimo infatti comandare dall'alto di una insegna celebrata e venerata come quella di Nikon:

    ma che poi, a parlare con i sudditi/(clienti) ci vogliono anche i giusti intermediari.

    E che se negli anni da che scriviamo, ci siamo lamentati di Nikon, molto spesso lo abbiamo fatto anche in relazione agli intermediari che si frapponevano tra Nikon ed il nostro acquisto.

    Il nuovo corso del Marchio non poteva prescindere da questo fondamentale aspetto del Customer Care: ed è la rivoluzione che più mi ha colpito e che sta determinando il successo del "mirrorless reinvented" dello spot Nikon.

    Per la verità data già dalle presentazioni delle citate da Mauro D5 e D500 e successivamente della D850 del 2017:

    quando la capacità del distributore nazionale Nital, presieduta da Aldo Winkler e rappresentata da tutti i suoi collaboratori, si è resa trasparente, finalmente, a tutti noi clienti, non solamente ai professionisti.

    Il divario tra le prestazioni delle fotocamere si è assottigliato, non esistono più prodotti appositamente sottodimensionati che facevano fare cassa ma restavano invariabilmente lontani dalle esigenze più specifiche e determinavano una differenza tra clienti di serie A e clienti di serie B.

    Oggi per Nital 1 vale 1 e ogni cliente è prima di tutto persona.

    Ne stiamo beneficiando tutti in termini di aggiustamento dei listini imposti da Nikon e calmierati da successive, tolleranti e congrue campagne di sconti e di cashback, miranti a dare a tutti l'opportunità di venire in pssesso degli strumenti desiderati.

    Nulla di paragonabile a ciò che subdolamente in campo automobilistico (per citare un esempio noto a tutti) stanno facendo le Case più altisonanti, le quali mirano a scontare ciò che tra pochi anni (o mesi) gli sarà impedito di produrre e , se venduto, sarebbe oggetto di tassazioni sul cliente finale.

    No.

    Nital e Nikon (per invertire il titolo dell'articolo di Mauro) si stanno producendo in uno sforzo mai visto in questo ambito merceologico in Italia per lasciare contenti tutti i potenziali acquirenti.

    Resta solo un tassello da regolare: i negozi autorizzati... che si devono allineare su Nikon a questa categoria mentale che viene perseguita da Tokyo e da Moncalieri.

    Devono comprendere che vendere Nikon è vendere un prodotto differente dagli altri dello stesso settore: perchè differenti sono i Clienti che vogliono Nikon.

     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    12 ore fa, Parsifal dice:

    Valerio, premesso che credo che l'esperienza che porti non sia di strettissima attualità (hai provato a negoziare l'acquisto di un 500/4 o di una D500 Nital oggi ?), penso non ti sarà sfuggito come tutto questo panegirico abbia come soggetto sostanzialmente le Z ;) 

    Temo inoltre che per quasi tutti i fotografi Nikon sia chiaro come il secondo centenario della gloriosa storia Nikon (nata è vero con grandi formati militari, poi con ottiche Canon, poi con telemetro, poi con reflex a pellicola, per poi diventare reflex digitali e quindi ...) sarà legato a quadruplo filo con le mirrorless e i successivi sviluppi delle tecnologie prive di meccanica e dotate di elettronica "intelligente".

    :)

     

    Allora fino ad adesso abbiamo scherzato e  "scurdiammoce 'o passato..."

    Vabbuò 
    un sereno click a tutti

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Non abbiamo scherzato, non ci siamo scordati del passato e ... in passato abbiamo scritto fior di editoriali critici verso Nikon (e a scalare verso le sue sussidiare).
    Ma l'atteggiamento e la situazione, oggi, sono cambiati di molto e in meglio.
    Ecco perchè ci siamo sentiti di rimarcarlo :)

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    Il ‎28‎/‎05‎/‎2019 at 09:10, Atticus Finch dice:

    Non abbiamo scherzato, non ci siamo scordati del passato e ... in passato abbiamo scritto fior di editoriali critici verso Nikon (e a scalare verso le sue sussidiare).
    Ma l'atteggiamento e la situazione, oggi, sono cambiati di molto e in meglio.
    Ecco perchè ci siamo sentiti di rimarcarlo :)

    Non si può nascondere che non sia vero..  comunque, articolo scritto con il cuore.. 

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites


    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Add a comment...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...