Jump to content
  • MM!
    MM!

    Le Nikon del 2020-2021

    MM!

    Attenzione, questo articolo è interamente frutto di congetture dettate da considerazioni tecnologiche, di mercato, di posizionamento e traendo spunto dalle ultime proposte di Nikon.
    Non abbiamo avuto notizie di prima mano né soffiate da Nikon o dai suoi collaboratori.
    Probabilmente ognuna delle nostre ipotesi sarà poi smentita dai fatti ma è tradizione che ogni anno, di questi tempi, scriviamo un articolo con quello che ci aspettiamo per ... riflettere ed orientarci nelle nostre scelte.
    Siamo perpetuamente insoddisfatti e alla ricerca continua del meglio. Del meglio da Nikon, ovviamente !

    Message added by MM!

    Quando il cielo è tempestoso come in questo momento, io risolvo momentaneamente pensando ad un futuro migliore.
    E su Nikonland l'unico futuro migliore del presente è quello fatto di fotografie con novità Nikon succulente.

    Purtroppo penso che i tempi di rilascio di tutte le novità, anche quelle già annunciate, subiranno rallentamenti.
    E' notizia di questi minuti che Canon ha dovuto fermare cinque stabilimenti a causa della mancanza di componenti.

    Ma ogni fine è un nuovo inizio e si ritornerà a parlare di novità e lanci di nuovo materiale.
    Sognare non costa niente e ci é permesso anche di farlo senza uscire di casa.
    Quindi, perchè no ?


    ***

    Il 2020 è già cominciato con svariati lanci da parte di Nikon, un tempo sarebbero stati sufficienti per tutto un anno.
    Abbiamo avuto già due reflex, l'ammiraglia D6 e la full-frame per entusiasti D780.
    Un super-zoom da reflex che mancava nel catalogo come il Nikkor 120-300/2.8E.
    E ben tre obiettivi Nikkor Z, l'ambito e atteso 70-200/2.8 VR e i due non meno interessanti 20/1.8 e 24-200mm per le Nikon Z.

    Roadmap-Nikkor-Z-Expansion-Kopie.jpg.f6627b2cebedb2d41083a4ab80bcbf13.jpg
    La roadmap completa degli obiettivi Nikkor Z in uscita sino alla fine del 2021

    Usciranno altri obiettivi Z se Nikon vuole mantenere la promessa fatta con la roadmap.

    Ma non basterà per tenere il mercato e soprattutto mantenere legati i clienti.
    Il 31 di questo mese si chiude l'anno fiscale per Nikon e dovrà essere presentato il nuovo budget che non potrà - io temo - contare solo su D6 (che venderà pochissimo) e D780 (che venderà, ma quanto ?).

    Quindi ci vorranno altri corpi macchina.
    E dopo due reflex facilmente non ne vedremo altre per un pò di tempo, sebbene ci siano almeno un paio di macchine che dovrebbero essere allineate alla generazione 6 oppure ... 8, a seconda di come il marketing deciderà di chiamarle.

    Ma il fatturato è fatto di piccoli pezzi, non si potrà pensare di saturare il mercato con D6 e 120-300/2.8 che insieme costano come una Peugeot 208 già ben accessoriata ...

    Fascia Entry Level

    E' dove si fanno i grandi numeri e dove Nikon ha sempre venduto una montagna di ... D50, D40, D3000 e D5000.
    Ma le reflex oramai sono da considerare destinate solo a pochi intenditori ben selezionati che cercano macchine estremamente prestazionali e quindi di fasce più alte.
    Mentre il calo di quote di mercato di Nikon è per lo più da imputare proprio alla perdita di interesse del mercato verso le reflex entry-level.
    Per questa ragione non crediamo che verranno più rinnovate le reflex serie 3000 e 5000 e in questo segmento invece ci saranno per lo più mirrorless serie Z.
    Gli altri marchi producono e vendono con discreto successo in termini numerici se non proprio di profitto, macchine mirrorless nella fascia di prezzo tra i 500 e i 750 euro.

    frbk.thumb.jpg.cc479ea1382248048906e6fe2bfb2d22.jpg.7b0fd69f2be669c8926b9f51ee8265e3.jpg
    La bella Nikon Z50 come vista nel nostro recente test esaustivo


    La bella Z50 è di un livello fin troppo alto per presidiare questo segmento.

    Per questo io mi aspetto che una delle novità della prossima stagione Nikon sarà una mirrorless Z di livello appena inferiore a quello della Z50.

    Lo so, qui molti amerebbero una Z in formato DX che possa paragonarsi alla reflex D500.
    Ma il livello di prezzo la porterebbe a numeri di vendita che non contribuirebbero a riportare il market share di Nikon dove ci si aspetta che stia.
    Si, è vero, Nikon ha deciso di riposizionare il suo prodotto in fascia media e alta.
    Ok, d'accordo, ma non sto parlando di una entry-level da 250 euro venduta vicino alle scatole del Dixan e del Dash in 2x3.
    Una entry-level rispetto a Z50 e Z6.

    Quindi una macchina appena inferiore alla Z50, ma sempre e comunque una Nikon, buona per chi può spendere meno di quanto costa una Z50 ma si aspetta comunque una Nikon, altrimenti comprerebbe una macchina di un altro marchio qualsiasi (ce ne sono a diecine, tutte più o meno simili).

    Fascia Intermedia/Entusiasti

    La Nikon D780 presidierà questo segmento sostanzialmente da sola se Nikon non deciderà di rinnovare anche la bella Nikon D7500 cui necessiterebbe di essere allineata alla Z50 per essere sostanzialmente perfetta.

    Z7X_0603.thumb.jpg.8aafc10d7747933b588098442f393c8b.thumb.jpg.2613f2e59dfa358c1023bdd4c977ac14.jpg
    La Nikon D780 appena lanciata da Nikon, secondo la nostra anteprima


    Sinceramente io non so se ci sia un mercato potenziale per una ipotetica Nikon D7800. E' possibile, non mi sento di sbilanciarmi troppo.
    Credo che però Nikon abbia deciso di coprire comunque le due linee - reflex e mirrorless - allo stesso modo, almeno a partire da Z50 e D7500.
    Quindi penso che si, decideranno comunque di metterla in produzione.
    Se avrà successo, lo sapremo solo a guerra finita ... !

    Lato mirrorless in questo segmento io penso che vedremo la sola Z6, promossa e scontata per un pò di tempo.
    Probabilmente non è esattamente la strategia più aggressiva che potremmo desiderare ma il mercato d'altro canto non può sopportare troppi lanci concorrenti nella stessa fascia e ci sono tempi tecnici perchè una novità attecchisca ed ottenga un buon ritorno in termini di vendita.
    Quindi non credo che nel 2020 vedremo l'erede della Z6 che, a nostro modesto parere, può essere considerata una proposta completa e matura dopo l'ultimo aggiornamento firmware

    1157605064_301-_85K5358105mm1-13secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.jpg.3f84107cccf665dc3eadac1fc5dd8993.jpg.c2ab540a93c91e6b92d17997e89ba877.jpg
    La Nikon Z6 secondo noi può tranquillamente sostenere la fascia media del listino Nikon anche per il 2020.
    Sarà eventualmente nel 2021 che se ne vedrà un aggiornamento e un adeguamento alle necessità del mercato e dei nikonisti.

    Fascia Pro/High end

    Qui abbiamo appena avuto il lancio della D6 ed è escluso che almeno fino a 2021 inoltrato si vedrà una macchina mirrorless di questa categoria.
    Se non dovremo aspettare anche il 2022 ...
    Ma secondo me la Z7 e la D850 sono ampiamente uscite di produzione (il sensore non c'è più e produrne ancora costerebbe più che usare quello nuovo).

    EQft1vDU0AEghXM.jpg.a2568ff1cf37bfce6ac973ba148751e6.jpg.08d0f86d16ca395733d01d17006d1329.jpg
    La nuova Nikon D6 in distribuzione a partire da aprile 2020

    D5H_6378.thumb.jpg.b890d6fa21223f49997d95c5eeb86ca3.jpg.ee1d4c41e533a686d3cfd69d50865234.jpg
    La Nikon D850 è sempre la più matura e completa delle reflex Nikon sul mercato.
    Una sua erede dovrà esserne alla sua altezza

    Di qui le due opzioni perfettamente percorribili.

    Nikon D880 in sostituzione della D850.

    Nikon Z8 in sostituzione della Z7.

    Entrambe con il sensore Sony da 61 megapixel di cui si dice che Nikon abbia già sottoscritto l'ordine di acquisto.
    Le due macchine condividerebbero l'architettura e il posizionamento, così come fanno Z6 e D780.

    Per questo non le vedrei molto bene se lanciate in contemporanea.

    Visto che abbiamo avuto già la D6 quest'anno, è più facile - anzi, facilissimo - che in autunno si veda la Z8.

    Questa macchina potrebbe avere :

    - sensore da 61 megapixel
    - nuovo stabilizzatore avanzato con pixel-shift
    - nuovo autofocus con un botto di punti 
    - corpo più strutturato e con un vero battery-grip con impugnatura e scatto verticale
    - due schede di memoria che come da tendenza "temiamo" saranno miste (CFexpress + SD) tipo D850
    - prezzo a partire dai 4000 euro o in quell'intorno

    Io ritengo che un modello di fascia alta Z debba avere la priorità rispetto ad un'altra reflex di cui non saprei valutare l'accettazione da parte del mercato.
    Credo che chi ha la D850 sia più che soddisfatto e non abbia bisogno di altro se non in minima parte e probabilmente l'ha già trovato o lo sta cercando in una Nikon Z.
    La presenza della D780, fresca-fresca e ben prestazionale toglie anche un pò di appeal ad un modello superiore e ad un prezzo probabilmente doppio.

    Invece una proposta mirrorless superiore a Z6 e Z7, vista anche la mossa di Canon di annunciare il suo modello R5 che presumibilmente andrà sul mercato prima delle Olimpiadi se ci sarà la capacità industriale di produrla in tempo, dovrebbe far pensare che Nikon debba rispondere.

    12.jpg.3d273b8c5d675987adf6299c7e702867.jpg
    la nuova Canon EOS R5 che probabilmente arriverà sul mercato nell'estate del 2020

    Sarà una macchina su cui si porranno la curiosità e le aspettative di moltissimi nikonisti, anche di quelli che a norma, non avrebbero bisogno di tutto quel mare di megapixel e che preferirebbero restare in un'area più gestibile o barattare la risoluzione con la velocità.
    Ma sono esigenze industriali che vanno al di là di quelle effettivamente necessarie a noi fotografi (e poi, in fondo, tra 45 e 61 megapixel, la differenza è abbastanza trascurabile).
    Un corpo professionale e un numero di punti di AF molto sensibili e in grado di lavorare precisamente e in velocità invece faranno realmente la differenza quando si tratterà di ... mettere mano al portafoglio.

    Sarebbe bellissimo se Nikon riuscisse a fare ancora un doppio lancio come fatto con Z6 e Z7 mantenendo peculiarità quasi sovrapponibili (corpo, comandi etc.) in due tagli di sensore differenti.
    Ma ne avrà ancora la forza ?

    Purtroppo i tempi non sono ancora maturi per una ammiraglia mirrorless per lo sport che io credo si dovrà attendere almeno fino a fine 2021, inizio 2022.
    L'eventualità di una D6s - io auguro ogni successo alla D6 che attendo con curiosità ma è giocoforza che non sarà un modello da grandi numeri di vendita - mi pare remota.
    Una sua sostituta mirrorless a due anni da oggi invece sarebbe l'inizio di un nuovo ciclo triennale di consolidamento del sistema Nikon Z.

     

    Leggete i commenti per approfondimenti e non mancate di condividere il vostro punto di vista al riguardo.

    Edited by Picard

    • Like 1
    • Thanks 1
    • Haha 1


    User Feedback

    Recommended Comments

    Articolo molto interessante, se può servire la mia esperienza, posso dire che sono passato in questi giorni da D850 e D500 a Z7 e Z6, da settantenne, non avrei mai pensato di fare un paesaggio da reflex a mirrorless, ma dopo un viaggio in Islanda con tempo indescrivibile e dovermi portare dietro uno zaino di circa 15Kg, ho deciso e devo ammettere che decisione non è stata più azzeccata. Altro mondo, altro modo di fotografare, mi sto reinventando, faccio prevalentemente paesaggio e ritratto e questo due macchine con i suoi fissi e il 24-70 2,8, sono a mio avviso nettamente superiori alla macchine ed ottiche precendenti. Per il futuro non so cosa potrà fare di meglio Nikon, se non aggiornare ulteriormente i firmware e ritengo che sicuramente staranno a lungo nel mio zaino, grazie e scusate Renzo.

    • Haha 2

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Renzo, niente scuse. Io ho qualche anno meno di te e non sono particolarmente attratto dal risparmio di peso, quanto dall'incremento di prestazioni a tutto tondo che le Z offrono o promettono di offrire a tendere.
    In tutti i settori, nessuno escluso.

    Tanto che quando passo alla D5 mi sento vincolato, seppur "sicuro" delle sue performance che oramai limito al solo campo sportivo, giusto in attesa che arrivi una Z della stessa categoria di D5 e D6.
    E l'idea di tornare ad utilizzare reflex per fotografare il resto, non mi sfiora nemmeno.

    • Like 1
    • Haha 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Concordo abbastanza con le tue valutazioni e credo che ogni sviluppo oggi sconti il sostanziale fermo della produzione cinese.

    Questo anomalo legame con Sony obbligherà Nikon a seguire con le proprie macchine le scelte di Sony sui sensori. Un 36MP retroilluminato con le prestazioni dell'attuale 24 non lo vedremo temo mai.

    La Z8 o Z7II sarà certamente dotata del 61MP e di quanto già presentato da Sony sulla A7R4, ma fatto un poco meglio. Spero non tardi troppo anzi, è già troppo in ritardo. Non credo la prenderò... 

    Quello che è fondamentale è che Nikon rispetti il proprio plan di uscita delle ottiche in particolare facendo uscire il 14-24, gli 1.2 e il 24-105.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Il rapporto "anomalo", come lo chiami tu, è con il fornitore che ha più del 50% del mercato globale. La responsabilità sta nei concorrenti che non offrono equivalenti mentre è giusto che Nikon si rivolga a chi fa i sensori migliori per fare le sue migliori fotocamere.
    Sul rispetto della roadmap io sono fiducioso nonostante i ritardi che si accumuleranno a causa dei problemi industriali causati dall'epidemia.

    Non parlerei in nessun caso di Z6 II e Z7 II in quanto il corpo di queste macchine è incompatibile con le due schede di memoria, semplicemente non ci stanno se almeno una deve essere una CFexpress, come dimostrato sia da Panasonic che dalla nuova Canon R5.

    E Nikon ha dichiarato in pubblico di aver capito cosa vogliono i suoi clienti (sostanzialmente una D850 mirrorless) per comprare in massa :

    Per una coppia di memorie uguali XQD o CFExpress abbiamo già visto che serve un corpo stile D5/D6 o Canon EOS 1D-X.

    Mentre credo ci sia ampio spazio per una futura Z5 (nel 2021 ? nel 2022 ?) equivalente full-frame della Z50 con ancora il sensore da 24 megapixel e la memoria SD in un corpo piccino, quindi sostituta non professionale della Z6 che vedrà invece in un corpo stile D850 o Panasonic S1 la sua effettiva erede di fascia più alta (come sarebbe dovuto essere già dall'inizio ma si è preferito accontentare chi-la-vuole-piccola).

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    1 ora fa, Picard dice:

     

    E Nikon ha dichiarato in pubblico di aver capito cosa vogliono i suoi clienti (sostanzialmente una D850 mirrorless) per comprare in massa 

    Io non so se faccio parte di un "campione" significativo di clienti Nikon, ma in effetti una "D850 mirrorless" farebbe al caso mio. 
    Qualche MP in più della Z6  (ma non troppi ) e poi una macchina "generalista" che sia adatta a tutti i generi di foto anche se meno performante 
    in ambiti specifici ... insomma proprio come è la D850 ...  non mi dispiacerebbe ...

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Il problema è il taglio dei sensori full-frame.

    Sono disponibili sul mercato solo due sensori da 24 megapixel (uno che usano tutti, BSI, l'altro che sinora sta usando solo Sony che è BSI e Stacked).
    Mentre poi si passa a 61 megapixel.

    E' una misura imposta ... dal taglio dei pannelli dei display LCD. Per l'8K la matrice oramai scala ad oltre 50 megapixel.
    Ma ovviamente c'è da considerare che vedo poco la prospettiva di Nikon che compra sensori da Canon, quando anche Panasonic li compra da Sony (cui ha venduto l'intero comparto semiconduttori un paio di anni fa).

    Oramai anche in formato APS-C  si sta volando a .... 43 megapixel (annuncio Sony dell'altro ieri). Ecco perchè Nikon continua ad usare le scorte di magazzino di quello prodotto in serie per la D500 (su D7500 e su Z50).

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Io sono nella fase di preferire la spesa sulle lenti a quella per i corpi.
    E spero quindi che vedere almeno altri due o tre vetri Z nei negozi prima di natale, oltre a quelli che abbiamo visto annunciare.
    Però auspico anche una Z850 perché sarebbe un bel viatico per le vendite di Nikon e per lo sviluppo di altre lenti e di accessori per il sistema Z.
    Insieme ad una Z5 più economica e ad una Z500 che potrebbe essere una prima risposta alla mancanza di una D5 o D6 ml.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Se già in tempi più normali provare a "immaginare" il futuro a breve termine di Nikon è arduo, in questo momento di emergenza produttiva è impresa non da poco... ma immaginare giustamente non costa nulla.

    Io per esempio un centesimo su una accoppiata 24 Mpx (verso Natale) + 61 Mpx (prima dell'estate, produttività permettendo) in un corpo più evoluto me li giocherei... quanto più evoluto, se in stile 850 o 780 non saprei. Ma non credo che lasceranno indietro di un anno la categoria con risoluzione più bassa, che si sentirebbe la figlia povera (mentre in realtà 24Mpx con un processore ancora più performante sarebbero sempre un bel colpo... oltre che una sfida per gli ingegneri, ben più di un pachiderma iperpixel).

    Su una erede della D500 sinceramente non saprei... ma la vedrei bene in una uscita in coppia con la futura Zetona nel 2021!!

     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    sono d'accordissimo con Mauro quando chiama "bellissima" la Nikon Z50:

    devo dire che metabolizzato il test che ne ho fatto tra novembre e dicembre, a tre mesi di distanza sono più che mai convinto che la Z50 sia oggi la mirrorless più riuscita e completa del mercato intero in ambito APS-C

    Davvero un colpaccio, per una macchina dalle prestazioni e dal prezzo invoglianti, allettante e centrato !

    Mentre la Z7 sopratutto e la Z6 anche, pur nel rispetto delle relative specifiche, a distanza di un'anno e mezzo abbondante dalla loro presentazione, ci lasciano ancora con la voglia di qualcosa di più e, maggiormente per il fatto che gliel'avevamo cantato in tempi non sospetti come noi intendessimo dovesse essere una mirrorless marchiata Nikon, per poter soddisfare la fascia medioalta degli utilizzatori del nostro marchio.

    Per cui, forte degli oltre 90mila scatti fin qui realizzati con la mia Z6, sono prontissimo a sostenere quanto detto all'alba dell'era Z:

    - Z7 e Z6, al contrario della Z50, sono due brutti anatroccoli

    - Z8 sarà bella se ci troveremo dentro, non solamente il sensore che ci aspettiamo, ma anche tutte le opportunità raggiunte da fw 3.0 attuale delle nostre ML, più un salto deciso in avanti, a raggiungere le opportunità ancora precluse in termini di precisione dell'AF e di reattività del mirino elettronico (il mio benchmark è la 6...figuramoci rispetto la 7). Il secondo slot per un backup in linea e i contatti elettrici per un battery grip con i controlli per le inquadrature verticali. 
    Sarà bella se la faranno bella, ossia facile da impugnare e sostenere per ore di lavoro...non per utilizzi da giocattolo per turisti.

    Ho rinunciato un anno fa alla mia splendida D850 per finanziare il passaggio alla baionetta Z, ma sto ancora aspettando la fotocamera che possa farmela dimenticare.

    In ambito ottico sono felice del lavoro fin qui presentato da Nikon: difficilmente in quest'epoca si sarebbe potuto fare di più: e i suoi competitor hanno avuto bisogno di ben più di un lustro per fare anche meno di quanto Nikon abbia realizzato/promesso in soli tre (2018-2021)

     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Approfondisco il concetto.

    Tenendo a mente che ci sono tempi necessari di consolidamento del mercato, pare abbastanza assodato che Nikon sta separando le due linee di prodotto - consumer e high-end, evitiamo la parola professionale perchè non è il fatturare che fa la differenza - sostanzialmente per il formato della/delle memorie.

    Nel consumer viene accettato - anzi desiderato - l'utilizzo delle memorie SD e non ci sono controindicazioni particolari perchè si faccia ricorso ad uno solo slot.

    La D7500 è stata la prima macchina di questo corso ad avere una sola SD. E' seguita la Z50 ed adesso anche la D780 in formato FX.
    Nessuna di questa fotocamere ha la possibilità di montare un battery-grip di alcun genere, almeno non prodotto da Nikon e con funzionalità piene se prodotto da altri (salvo accrocchi con cavetti volanti).

    Nella fascia high-end invece i due slot di memorie sono scontati, così come un battery-grip con impugnatura e scatto verticale.
    Le due memorie, idealmente identiche, per Nikon in questa fascia di prodotti devono essere XQD-CFExpress.
    Ma solo le ammiraglie D5 e D6 sinora hanno proposto due slot uguali di XQD/CFExpress. Questioni di spazio e di dimensionamento della scheda madre.

    Ecco delinearsi un quadro in cui Z6 e Z7 si configurano come prodotti ponte in attesa di consolidamento.

    A tendere vediamo, nel complesso :

    • reflex consumer : Nikon D7800, Nikon D780 (memorie SD, no battery-grip)
    • reflex high-end : Nikon D880 e Nikon D6 (una o due memorie XQD/CFExpress, battery-grip opzionale o integrato)
    • mirrorless consumer : Nikon Z30, Nikon Z50 (DX), Nikon Z5 (full-frame) (memorie SD, no battery-grip)
    • mirrorless high-end : Nikon Z8, Nikon Z9, Nikon Z70/Z90 (DX), Nikon Z1 (ammiraglia) (una o due memorie XQD/CFExpress, battery-grip opzionale o integrato)

    e iterazioni successive con reflex a morire e mirrorless a proseguire il ciclo a partire dal 2022 a fine roadmap obiettivi.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Secondo la tua classificazione però, manca la collocazione delle attuali Z6 e 7:

    io non sarei così sicuro a considerare due sole fasce di prodotto mirrorless: secondo me vogliono crearne tre, come fu per le reflex (d3xxx 5xxx/ 7xxx/ 500 per il dx e d6xx / 8xx/ 5 per fx)

    E l'ammiraglia sarà la Z9 (dubito di una Z1)

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    C'è una intervista di ieri a Nikon che sostanzialmente ammette che il segmento delle D3000 e D5000 non esiste più nemmeno nei paesi emergenti.
    In ogni caso Nikon può anche proporre macchinette in quel segmento, resteranno sempre out-of-scope per Nikonland.

    Sulla nomenclatura possiamo anche parlarne, tanto decide Nikon. Z6 e Z7 sono state un ponte e benchè ancora pienamente in grado di offrire grandi soddisfazioni, il passato.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Ancora sulla possibile Nikon Z30 (mirrorless APS-C di segmento inferiore alla Z50).

    Due considerazioni di mercato.
    La soglia dei 1000 euro, cui la Z50 appartiene è psicologicamente molto resistente e rappresenta un freno all'acquisto per molti potenziali interessati, sia come primo corpo che come eventuale secondo corpo da aggiungere per esempio ad una Z6 per uscite leggerissime.

    I concorrenti di Nikon ha svariati modelli nella fascia sotto ai 1000 euro.
    In particolare Canon che ha tre modelli (M5, M50 ed M100) e Sony che mantiene sempre a listino ogni modello e che ha nella inossidabile ma oramai vetusta A6000 il suo campione di vendite.

    In questo segmento si vede anche sempre bene l'obiettivo all-in-one, tipo 18-140 che, non a caso Nikon ha messo in roadmap come unico altro obiettivo DX oltre ai due del kit della Z50.

    Ecco perchè una Z30 ha sempre più senso, già nel 2020 appena consolidata la Z50 (e quindi orientativamente a fine estate, prima di Natale).
    Con risparmi di varia natura che consentano di limare il prezzo tra i 600 e i 750 euro, obiettivo compreso.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Il pixel binning

    I più curiosi e maturi di noi ricorderanno il caso della Nikon D1 e delle sue figliuole lanciate a cavallo del 2000.

    Il sensore era un CCD da 10 megapixel circa, prodotto internamente da Renesas (all'epoca Mitsubishi).

    Ma nella D1 e nella D1h la risoluzione effettiva era limitata a 2.6 megapixel mentre nella D1x l'uscita era da 5.2 megapixel.

    Il sensore però era lo stesso e la risoluzione effettiva veniva abbassata accoppiando i pixel in binning, per ottenere miglioramenti nella figura di rumore (più pixel insieme, minore risoluzione, maggiore sensibilità alla luce, minor rumore in lettura potendo limitare l'amplificazione che allora non era così sofisticata come oggi).

    Il binning però era fisso e il fotografo non poteva variarlo, a seconda delle sue esigenze doveva comprare la D1h (bassa risoluzione, raffica) o la D1x (alta risoluzione, raffica ridotta, maggiore rumore).

    Oggi l'hardware però consentirebbe di modulare un sensore ad altissima risoluzione per fare in modo che il sensore si comporti differentemente a seconda delle esigenze del fotografo.

    Potremmo così avere una fotocamera da 61 megapixel che possa uscire con :

    - 61 megapixel in modalità nativa
    - 30 megapixel in modalità pixel-binning 2a1
    - 15 megapixel in modalità pixel-binning 4a1

    i vantaggi potrebbero essere ricavati sia in termini di flusso (ma oggi, con le memorie veloci e la possibilità di raddoppio del buffer non sarebbe un limite) che di peso dei file per chi, ad esempio, non necessita sempre (o mai) di tutta quella risoluzione e può accontentarsi di meno (per esempio nello sport).

    Attenzione, si tratta di una operazione hardware, non software (come la compressione mRaw) che all'atto pratico non da alcun vantaggio se non alleggerire il peso dei singoli file a scapito della effettiva qualità degli stessi.

    Una opzione in più, se percorribile tecnicamente, perchè una macchina si possa trasformare in due, a vantaggio del fotografo.

    Non è affatto detto che Nikon stia esplorando questa possibilità ma teoricamente sarebbe possibile (e la tecnologia disponibile lo consentirebbe).

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Non ho capito bene la tua ipotesi.

    Quindi, nel caso Nikon lo facesse, un file da 30mpx ottenuto da un sensore da 61mpx tramite pixel-binning sarebbe peggiore, come qualità, di quello nativo?
    Intendo escludendo il discorso risoluzione.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    No, se prelevato direttamente dal sensore con il pixel-binning 2a1 teoricamente avrebbe minore rumore di quello in formato nativo.
    E' l'mRaw che ha qualità peggiore del RAW nativo, perchè compresso con perdita di informazioni.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Caso pratico citato, Nikon D1h vs Nikon D1x, stesso sensore da 10.2 megapixel, impiegato in pixel-binning sulle due macchine (2a1 sulla D1x e 4a1 sulla D1h) :

    chart.thumb.jpeg.2505a747f583c098bb6dae7d6040379f.jpeg

    rumore in lettura

    1487087451_chart(1).thumb.jpeg.864f4f7193be7224f9fe26cc00aeb1ed.jpeg

    dinamica

    con un'amplificazione che sulla D1h consentiva i 1600 ISO contro il limite di 800 sulla D1x.

    • Like 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    37 minuti fa, Picard dice:

    Non è affatto detto che Nikon stia esplorando questa possibilità ma teoricamente sarebbe possibile (e la tecnologia disponibile lo consentirebbe).

    Sarebbe lo sviluppo della macchina definitiva... tre macchine in una.

    un sogno..

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    E si, anche se si limitassero ad un 2:1 sarebbe un bell'add dal punto di vista pratico.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    1 ora fa, Dario Fava dice:

    Sarebbe lo sviluppo della macchina definitiva... tre macchine in una.

    Giusto, ma, proprio per questo, credo che difficilmente la faranno.....

    L'imperativo e' "vendere", e per aumentare le vendite il marketing oramai ha insegnato che bisogna sempre disattendere alcuni desideri/necessita'....., cosi' da lasciare spazio ad altri modelli...... ;)

     

    • Like 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Ho da poco sostituito la mia D810 con la Z6, ottima macchina,da vecchio fotografo, ho iniziato con una Nikon F e osservatore del mercato ritengo che la pandemia rallenterà parecchio l'introduzione di nuovi modelli,la crisi economica è e sarà importante.Dove si potrà si introdurranno ulteriori firmware in attesa di tempi migliori.Ciò che è già nei magazzini magari con difficoltà sarà commercializzato,i nuovi progetti resteranno nel cassetto.Previsione pessimistica forse ma realistica.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Secondo Nokishita, sito giapponese sempre ben informato dei fatti dei produttori di fotocamere, Nikon ha registrato una nuova fotocamera (code name interno N1933).

    Dovrebbe trattarsi di una nuova Z in formato DX che io penso potrebbe essere presentata appena le cose si sistemano (giugno-luglio-agosto).

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Visto che parlano di una batteria maggiorata potrebbe essere la famosa Z70, una Z con sensore DX e stabilizzatore nel corpo che potrebbe equivalere ad una D500 in versione mirrorless.
    Forse sarebbe stata più utile una Z senza mirino più economica per le vendite, ma magari accompagnando questa novità con un leggero ribasso della Z50 il risultato è lo stesso con minori investimenti.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    E' possibile ma io auspicherei una adozione generalizzata di una batteria più potente della EN-EL15a/b.

    Sebbene la Z50 che utilizza la EN-EL25 e non la EN-EL-15, se la cavi bene pur con i suoi soli 1.120 mAh.

    Probabilmente la differenza la fa ... la mancanza dello stabilizzatore sul sensore.

    Credo che comunque nulla vieti a Nikon di lanciare due DX differenti a completamento del quadro.
    Quello che però alimenterebbe realmente le vendite, sarebbe almeno un paio di ottiche DX compatte e poco costose, che vadano ad integrare i due zoom.
    E non il più probabile 18-140 che c'è in roadmap.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    11 minuti fa, MM! dice:

    E' possibile ma io auspicherei una adozione generalizzata di una batteria più potente della EN-EL15a/b.

    Sebbene la Z50 che utilizza la EN-EL25 e non la EN-EL-15, se la cavi bene pur con i suoi soli 1.120 mAh.

    Probabilmente la differenza la fa ... la mancanza dello stabilizzatore sul sensore.

    Credo che comunque nulla vieti a Nikon di lanciare due DX differenti a completamento del quadro.
    Quello che però alimenterebbe realmente le vendite, sarebbe almeno un paio di ottiche DX compatte e poco costose, che vadano ad integrare i due zoom.
    E non il più probabile 18-140 che c'è in roadmap.

     

    19 minuti fa, Sakurambo dice:

    Visto che parlano di una batteria maggiorata potrebbe essere la famosa Z70, una Z con sensore DX e stabilizzatore nel corpo che potrebbe equivalere ad una D500 in versione mirrorless....

    Lo penso anch'io.

    E dovesse avere anche due slot...

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

×
×
  • Create New...