Vai al contenuto
  • Rudolf
    Rudolf

    La Nikon D850 è un successo. Ma sarà sufficiente ?

    Che la Nikon D850 sia la miglior reflex finora proposta da Nikon credo che siamo tutti d'accordo.

    Lo dimostra il suo successo commerciale con la lunga lista di attesa. C'è più o meno un ritardo di 30-45 giorni tra l'ordine e la consegna.
    Ai ritmi attuali, pensiamo che il gap sarà colmato per fine anno.
    Solo con l'anno nuovo, probabilmente, sarà possibile trovare le prime macchine in pronta consegna.

    Per un certo periodo la domanda e l'offerta si equivarranno.

    Poi arriveranno le novità. Noi pensiamo che Nikon presenterà nel 2018 due nuove reflex, sostanzialmente allineamenti di prodotto, la più che probabile D5s che riprenderà nell'ammiraglia per lo sport alcune delle caratteristiche della D850. E una possibile D760 (nome del tutto ipotetico) che sarà per la D850, quello che è la D7500 per la D500.
    Una macchina che potrebbe avere un discreto successo di pubblico. Perchè più compatta della D850 e soprattutto, perché molto meno costosa.

    E questo avvierà la stagione degli sconti e dei cash-back per la D850 che non sarà più la novità assoluta ed ambita.

    Ci saranno (anzi, in realtà già ci sono) anche modelli della concorrenza, potenzialmente nello stesso segmento della D850.

    E quindi ?

    E quindi si comincerà a pensare al futuro. Anche se per i cicli normali di Nikon per gli ultimi anni, il possibile avvicendamento per la D850 non dovrebbe avvenire prima del 2010.

    Ma sarà sufficiente ?

    2.jpg.1268d6ed86159e9f3bc659fa65bc4240.jpg
    Chi vi scrive ha avuto l'onore di provare in anteprima uno dei primi esemplari di Nikon D850 disponibili in Italia.

    Non ho mai nascosto la mia soddisfazione per questa macchina che ha in larga parte assolto le mie aspettative.

    Chiedevo :

    - un autofocus allineato a quello della D5
    - una gamma dinamica simile a quella della D810
    - adeguamento del live-view

    Nikon mi ha datto tutto questo e anche di più.

    Una risoluzione più elevata :

    3.jpg.b9c25efecb7b078f2097562f3703dc81.jpg
    quasi il doppio della risoluzione della mia amata Nikon D3x. Esagerato !

    la possibilità di arrivare a 9 scatti al secondo in pieno formato e in completa funzionalità :

    5.jpg.78b61c8782d6a950d0b0460c92730161.jpg
    con la D850 e l'MB-D18 in autodromo a 9 fps al secondo a 45.7 megapixel. Inimmaginabile fino allo scorso luglio !

    una copertura autofocus che per le reflex è lo stato dell'arte :

    4.jpg

    uno scatto silenzioso con l'otturatore elettronico in grado di assolvere a compiti particolari :

    6.jpg
    30 scatti al secondo con otturatore elettronico in totale silenzio !

    funzionalità in live-view avanzate :

    7.jpg
    riconoscimento del volto e inseguimento del soggetto in Live-View

    focus peaking, messa a fuoco di precisione, split-view :

    8.jpg

    oltre a funzioni peculiari come il focus-shift automatico.

    Per non dimenticare il time-lapse in formato 8K.
    E il video in 4K.
    E un touch-screen semplicemente perfetto.

    Tutte queste caratteristiche - oltre al fatto di essere una vera Nikon, con la sua ergonomia, affidabilità, impostazioni e comandi cui siamo abituati, così come la qualità del file - ne hanno decretato il grande successo commerciale. E fino a qui siamo tutti d'accordo.

    Ma è una macchina tanto perfetta da non farci desiderare altro ?

    E no, un momento. Nessuna macchina è perfetta e sul mercato esiste della tecnologia che in taluni campi consente di fare altro, di meglio e di più.

    Abbiamo visto i punti di forza, andiamo ai punti deboli della D850.

    1) la tassa sugli scatti al secondo.
    La Nikon D850 liscia fa 7 scatti al secondo. Niente male. Ma sul mercato ci sono macchine che di scatti ne fanno 10, 12 o 20 al secondo senza aggiuntivi (!).
    La D850 può arrivare a 9 scatti al secondo solo se le aggiungiamo il battery-grip MB-D18, la batteria EN-EL18b e il suo caricabatterie dedicato.
    Per avere questi due scatti al secondo in più, Nikon richiede però circa 900 euro, da aggiungere al conto già piuttosto salato del solo corpo

    2) lo scatto silenzioso.
    E' comodo, è bellissimo. Ma nella modalità full-frame è limitato a 6 scatti al secondo. Produce file di grande qualità ma ha due limitazioni importanti : autofocus ed esposimetro sono bloccati.
    La modalità a 30 scatti al secondo è divertentissima. Ma le limitazioni sono ancora superiori : solo formato crop DX, solo jpg basic, in totale solo 8 megapixel.
    E in entrambi i casi durante lo scatto abbiamo l'oscuramento totale di quanto sta avvenendo, potendo vedere le foto solo a fine raffica.

    3) l'autofocus in reflex é lo stato dell'arte.
    Ma i punti di messa a fuoco restano maledettamente vincolati al centro e ci costringono a inquadrare secondo quella copertura, senza la liberta concessa dall'

    4) autofocus in Live-Viev
    funziona come quello di una mirrorless a differenza di contrasto. Copre - vivaddio tutto il fotogramma - ma solo con soggetti in posa o in lentissimo movimento.
    La stessa cosa vale per il riconoscimento del volto. Molto preciso e funzionale. Ma solo se il soggetto non si muove troppo e senza l'animazione del punto che segue l'occhio

    5) e le funzionalità evolute (da mirrorless) della D850 funzionano ovviamente solo a specchio alzato. Il che significa lavorare su treppiedi o, alla disperata, a mani tese.

    6) le due memorie differenti. Due XQD non mi costringerebbero a lavorare con una macchina ... come se avesse un solo slot di memoria !

    7) anche con la taratura fine dell'AF in automatico, la messa a punto dell'autofocus degli obiettivi è critica perchè le foto a 45.7 megapixel sono spietate.

    Per carità, possiamo convivere con queste limitazioni (sono le più importanti che mi vengono in mente mentre sto scrivendo).

    Ma il fatto è che la concorrenza offre altro, oltre i limiti delle reflex.

    Lo fa, è vero, introducendo altre limitazioni (che le reflex non hanno). Ma queste limitazioni, generazione dopo generazione si vanno sempre più assottigliando.

    Al momento - Sony, è inutile tacere il nome - dispone di due macchine che possono realmente rappresentare una grande alternativa alle migliori reflex Nikon.
    E volendo anche una terza, ancora con attacco a-Minolta, che è l'ibrido che manca sul mercato e cui la D850 risponde solo in parte, sul piano funzionale.

    La Nikon D850 è un segnale importante. Che Nikon c'è è sveglia e sta ragionando sul futuro. Ma esiste un gap tecnologico che io valuto in almeno 18 mesi di ritardo rispetto a Sony.

    Si, qualcuno potrà dirmi che il mirino elettronico è una vaccata e fa male agli occhi. Ma poter fare a mirino quello che faccio in Live-View per me avrebbe un valore grandissimo.
    Così come avere in live-view un autofocus continuo come quello che ho in reflex ma ovviamente a tutto frame.
    E tutte quelle "prelibatezze" che si possono avere solo se si tolgono lo specchio e il relativo pentaprisma visto che, probabilmente, Nikon con la D850 é arrivata al culmine dello sviluppo tecnologico del concetto di reflex digitale.

    Anche i famosi 20 (o 30) inutili scatti al secondo sono possibili solo in elettronico. Che a me in tanti casi servirebbero. Specie se si possono avere senza nessun oscuramento del mirino e senza che intorno a me - che magari sono in chiesa o a teatro - nessuno senta niente.

    Insomma, non è che sto dicendo che l'erba del vicino é sempre più verde. Io non cambierei mai la mia Nikon per una Sony.

    Ma dico che sul mercato ci sono tecnologie che per tanti compiti, rendono le mirrorless più avanzate e più comode delle reflex.

    Mentre io adesso con la D850, ho praticamente due macchine in una. In studio ho una mirrorless con alcune limitazioni. Fuori ho una reflex cui mancano però le funzionalità tipiche delle mirrorless.
    Con entrambe faccio foto che prima non riuscivo a fare.
    Ma se ci fosse anche dell'altro ... ? Non sarebbe meglio ?

    Incontentabile ?

    Lo ribadisco. Mai prima con una Nikon mi sono trovato così a mio agio già dal primo click.
    La Nikon D850 è una macchina fantastica. E Nikon non solo ha superato le mie aspettative ma mi ha anche stupito.

    Però mi mancano certe cose che ho solo vagamente sperimentato con le mirrorless full-frame. E vorrei che in catalogo Nikon ne avesse almeno una che possa controbattere la migliore concorrenza proprio in quelle funzionalità che a me mancano sul piano operativo, a cominciare da una messa a fuoco a tutto frame, in continuo, a mirino.

    Il futuro.

    I rumors dicono che Nikon sta lavorando insieme ad un altro fornitore di sensori, anche per evitare i colli di bottiglia dovuti alle forniture di una sola fabbrica (il famoso impianto Sony di Kunamoto che l'anno scorso è stato colpito dal terremoto ed ha avuto 6 mesi di fermo totale).
    Questo sensore nuovo in via di sviluppo dovrebbe essere sia BSI che stacked. Assicurando velocità ancora più esagerate di quelle della D850.
    Che potrebbero essere sfuttate a pieno solo disponendo di una struttura che tolga l'ultimo collo di bottiglia, quello rappresentato dalla meccanica dello specchio e dal mirino ottico.

    Ecco, il futuro per Nikon dovrebbe essere il lancio di una mirrorless professionale, full-frame, con autofocus a tutto frame, centinaia di punti di messa a fuoco agili anche in continuo. Riconoscimento del volto e dell'occhio che decido io. Otturatore elettronico funzionale anche a 20 scatti al secondo senza oscuramento.
    Due memorie XQD uguali. Un mirino allo stato dell'arte da 4 o più megapixel e 120 frame al secondo.

    Possibilmente senza rinunciare all'attuale attacco Nikon F o, comunque, che mi permetta la piena funzionalità e compatibilità totale con tutte gli obiettivo con attacco F che già possiedo.

    Chiedo troppo ?

    Io non credo, perchè queste tecnologie sul mercato già ci sono. Non sono assemblate al meglio di quanto lo farebbe Nikon, in un corpo come lo sa fare solo Nikon, ma non è tecnologia aliena : si può fare !

    Nikon ha dimostrato di sapersi progettare sensori all'altezza e dispone del know-how necessario per fare tutto quello che vuole. Oltre ai mezzi economici dati dal successo delle vendite della D850.

    Ma ne va del futuro dei nostri acquisti (chi ci convincerà mai a sostituire D850 e D5 senza darci molto di più ?) e quindi del futuro di Nikon.

    Del resto, che Nikon stia messa piuttosto male nelle statistiche di vendite e che il bilancio registri continui cali di fatturato è un dato di fatto. Per un rilancio effettivo ci vogliono i prodotti.
    Il giusto mix, che aggiunga alle attuali reflex di successo, altrettante mirrorless di successo.
    E magari qualche obiettivo di quelli che in catalogo sono assenti o superati dalla tecnologia dei sensori moderni.

    Modificato da Mauro Maratta

    • Primo premio ! 2



    Feedback utente

    Recommended Comments



    Vale anche il motto che :

    La Nikon D850 è un successo ma negli obiettivi, nei flash e nel software ci sono ampi spazi di miglioramento che non dipendono né dalla disponibilità di sensori nuovi né di processori più avanzati.

    Ma di questo parleremo in un successivo editoriale, la prossima settimana.

    Come dire che Nikonland non è in Luna di Miele con Nikon, mantiene il solito piglio libero e senza peli sulla lingua che l'hanno condotta sin qui negli ultimi 11 anni pieni :marameo:

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Lo diciamo da anni, lo ribadiamo da mesi, anche dopo la Nikon D850:

    il percorso porta verso i privilegi delle mirrorless, quali, prima di tutto,

    - copertura AF totale (o prossima alla totale) con sensori identici o pressoche' identici dal centro ai bordi nella sensibilità.

    - mirino elettronico (o ibrido) di alte prestazioni e capace di essere immediatamente convertito alla visione reflex (con pulsantino esterno...niente funzioni da menu') in tutti quei casi E SONO TANTI, nei quali oggi un mirino elettronico diventa impotente rispetto al vecchio mirino ottico reflex

    - velocità di scrittura della scheda di memoria, qualunque sia il supporto: basta con i doppi slot con schede di tipo diverso !

    - velocità del motore, indipendente dall'alimentazione ed alimentazione adeguata alla destinazione d'uso della macchina

    - compatibilità con il vero capitale di investimento del corredo: gli obiettivi...

    Tutto cio' per il versante high end/ no compromise di un corredo, anche a detrimento di parametri come compattezza, peso e dimensioni della macchina, elementi invece sempre validi per un corredo di livello economico medio o medio basso.

     

    Mi fa piacere che nella tua disamina faccia riferimento a questa Sony a99II

    Cita

    E volendo anche una terza, ancora con attacco a-Minolta, che è l'ibrido che manca sul mercato e cui la D850 risponde solo in parte, sul piano funzionale.

    reflex ibrida sulla quale ho scritto più di un articolo pochi mesi fa: un vero ponte tra i due sistemi, indipendentemente dalle problematiche progettuali e commerciali che la relegano ad un ruolo poco invidiabile... 

    La strada è tracciata: e noi siamo incontentabili ! :fotografo::bravo::supermarameo:

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Se volessimo però guardare la foresta, leggo che anche gli utilizzatori di un marchio come Canon siano estremamente perplessi e preoccupati dal lassismo del proprio fornitore preferito. E allora mi chiedo se per caso non ci sia dietro tutta una strategia di "veti incrociati" (chissà, anche brevetti e contratti di utilizzo?) che preveda che solo Sony possa aprire una strada, con tutti i pericoli e gli errori che può fare (e che le sono concessi, a differenza di Nikon e Canon), ma che solo dopo che sia abbastanza battuta possono passarci gli "elefanti".... non so se mi spiego, ma sembra che quel "...gap di 18 mesi..." in realtà vada bene a Sony per acquisire "nome" "acquirenti" e "conoscenza", ma anche a Canon e Nikon per capire dove vada  il mercato e cosa chieda la gente.

    E per quanto si possa dire che il ritardo di consegne è dovuto al marketing e/o ad un iniziale "low rate production" come l'F-35, la D850 è una macchina che fa gola a quasi tutti (che poi uno non la compri non significa che non la apprezzi...) perchè NON HA CASTRAZIONI EVIDENTI (a parte forse il finto doppio slot).

    La fila per la D850 per me significa che ha tutto quello che in questo momento serve per fare foto ugualmente magnifiche ma in molti più settori di una generica "all around" come la D750 per esempio. E se vedo le foto scattate con la D850 penso che in fin dei conti sarà un bell'attendere la futura ML Nikon .... con fiducia

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Io mi chiedo, ma quando Nikon presenterà la sua mirrorless che cosa ne sarà della D760 a quel punto, secondo me, già sul mercato per sostenere i fatturati vendendo a clienti meno danarosi ? Perché ok le macchine di punta, ma è sulla fascia media che si fanno i numeri importanti.

    Per me il vero problema per Nikon, un'azienda validissima dal punto di vista tecnico, sarà la gestione del passaggio alle Mirrorless. Perché è su questo punto che si possono fare o perdere un sacco di soldi. Appena decideranno di rivelarci la loro scelta il mercato prenderà delle decisioni e non si potrà più tornare indietro ne cambiare rotta oltre un certo margine. Non a caso non si è ancora capito nulla della scelta del bocchettone di innesto ottiche.

    Anche per questo credo che, sotto sotto, sia Nikon che Canon siano contente di lasciare che Sony vada avanti da sola. Hanno entrambe troppo da perdere con i salti nel buio, a differenza di Sony che è partita dalla condizione opposta.

     

    Modificato da Sakurambo

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Vediamo cosa sta capitando in casa Sony. A 6-7 mesi dal lancio della A9, hanno presentato la A7R III che è in verità quello che i clienti Sony stavano attendendo.
    E quindi scontistica sulla A9 e fila per la A7R III.

    L'estate prossima lanceranno la A7 III (senza R o con la S, chi lo sa ?) e vai col tango.

    In questo mercato il marketing di un prodotto va a cicli di 6 mesi. Dopo 18 mesi è obsoleto e probabilmente non si produce più e si offre in bundle quanto c'è in magazzino (vedi la D810 in questi giorni).

    In casa Nikon ( e Canon) c'è anche da combattere la diffidenza di una larga parte della clientela che non trova benefici nelle mirrorless, o non si fida. O chissàcosa ... e quindi la coesistenza si manterrà abbastanza pacifica.
    Io sono più che sicuro che le reflex non scompariranno, né presto né tardi. Ma non saranno il mainstream già tra meno di 36 mesi.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Guarda, per quello che sento io non è tanto la diffidenza a frenare l'acquisto delle mirorless.

    Più prosaicamente, per la maggioranza dei fotoamatori intendo, è la mazzata economica che si sconta con il passaggio di sistema, in particolare con Sony che ha un listino niente affatto basso. E poi è adesso, con A7RIII ed A9, che Canon e Nikon trovano un concorrente all'altezza dal punto di vista delle prestazioni.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Concordo con chi mi precede... non sono diffidente della macchina di Sony in sè, anzi è sicuramente valida. Io non ho voglia di cambiare il corredino e di ricominciare da capo a cercare cosa sia meglio per me. Il resto si impara ma trovarmi bene con quello che ho, pur con vari limiti, per me è più confortevole....

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    A Rambo, ma tu tieni un obiettivo solo e una macchina che non vale piu niente. E dove sarebbe, per te, il deterrente ?

    Per diffidenza, intendevo proprio il concetto di mirrorless,  il 'nuovo', non il passaggio alla ditta della pleistescion.

    Sondate tra lo zoccolo duro dei presenti e avrete le risposte. 

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Al di la' della voglia di cambiare e della fedelta' al marchio per i piu' svariati motivi, Sony, la migliore mirrorless del momento, ha un corredo di ottiche ancora ridotto e a cifre da amatore, soprattutto sulle lunghe focali:

    - nessuna ottica oltre i 400 mm

    - nessun fisso oltre i 100 mm

    - nessuna ottica Sigma, Tokina e Tamron

    - usato estremamente limitato

    Quindi un corredo che puo' coprire paesaggio e ritratto, ma non sport e natura dove servono ottiche lunghe e dove si vedono tanti fissi.

    Uno come me, per esempio, e' automaticamente escluso dalla lista dei potenziali acquirenti

    Io spero che quando Nikon fara' il salto offrira' la baionetta F o un adattatore molto ben fatto a cifre ragionevoli altrimenti non cambiero' finche' le ie macchine non cadranno a pezzi

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Lo spero anche io. Perché se Nikon dovesse seguire le orme di Sony, non vedrei differenze e propenderei anche per ... acquistare, qualche cosa d'altro, tipo un bel pianoforte ;)

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    7 ore fa, Francesco Contu dice:

    Al di la' della voglia di cambiare e della fedelta' al marchio per i piu' svariati motivi, Sony, la migliore mirrorless del momento, ha un corredo di ottiche ancora ridotto e a cifre da amatore, soprattutto sulle lunghe focali:

    - nessuna ottica oltre i 400 mm

    - nessun fisso oltre i 100 mm

    - nessuna ottica Sigma, Tokina e Tamron

    - usato estremamente limitato

    Quindi un corredo che puo' coprire paesaggio e ritratto, ma non sport e natura dove servono ottiche lunghe e dove si vedono tanti fissi.

    Uno come me, per esempio, e' automaticamente escluso dalla lista dei potenziali acquirenti

    Io spero che quando Nikon fara' il salto offrira' la baionetta F o un adattatore molto ben fatto a cifre ragionevoli altrimenti non cambiero' finche' le ie macchine non cadranno a pezzi

    hai dimenticato l'assenza di wide e superwide fissi di grande luminosità (anche di media ...) del tutto assenti dall' E-mount

    cosa che tiene distante anche me.

    E se manchino i 200-500 o i 600/4 posso anche comprendere...ma un 20mm decente costa molto meno di un super tele da progettare e realizzare

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Quindi solo Max ed io vediamo i limiti delle reflex (enunciati nell'articolo), anche di un modello eccellente come la D850 ? Mentre tutti gli altri "si piacciono" così ?

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    12 ore fa, Mauro Maratta dice:

    A Rambo, ma tu tieni un obiettivo solo e una macchina che non vale piu niente. E dove sarebbe, per te, il deterrente ?

    Per diffidenza, intendevo proprio il concetto di mirrorless,  il 'nuovo', non il passaggio alla ditta della pleistescion.

    Sondate tra lo zoccolo duro dei presenti e avrete le risposte. 

    Non è questo il punto al quale mi riferivo, pensa ai vari possessori di D810 in vendita sui mercatini di Nital o Juza. Pensa al valore reale di tante lenti, tipo il 24-120 f4 pagato 900/1000 euro ed oggi in vendita su Juza a meno della metà. Ma non è una cosa nuova, il problema esisteva anche ai tempi del duopolio Nikon/Canon, quanti ne avrai sentiti che si sono dissanguati per fare il salto da un lato all'altro, solo che con Sony è un po peggio anche per via della congiuntura generale.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Riguardo le mancanze di corredo lenti, si ritorna al nome Sigma, se presentano l'attacco FE i giochi sono fatti.

    E le vendite di A7RIII ( e delle varie A7 precedenti a prezzi scontati ) potrebbero dare il la finale, bastano un paio di fissi luminosi tanto per cominciare.

    PS: Vorrei far notare che siamo sempre tutti in attesa di sentire cosa fanno Sigma e Sony, ma non più di tanto Canon e Nikon. Non è forse questo un metro di giudizio della situazione attuale. Nikon non ha perso tanto il primato delle vendite quanto quello di faro del mercato, la D850 è un'ottima reflex ma resta sempre parte di un gioco di rimessa rispetto alla parte più avanzata del settore.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    16 minuti fa, Sakurambo dice:

    [...]

    PS: Vorrei far notare che siamo sempre tutti in attesa di sentire cosa fanno Sigma e Sony, ma non più di tanto Canon e Nikon. Non è forse questo un metro di giudizio della situazione attuale. Nikon non ha perso tanto il primato delle vendite quanto quello di faro del mercato, la D850 è un'ottima reflex ma resta sempre parte di un gioco di rimessa rispetto alla parte più avanzata del settore.

    Esatto. E' proprio questo il punto di questo editoriale.

    La D850 è una buona risposta che ci fa capire che Nikon è ancora sul pezzo. Ma è in forte ritardo su svariati fronti.
    Quindi, la D850 sarà sufficiente ?

    Per me la risposta è ovvia : no, la Nikon D850 è un riempitivo in attesa di capire se Nikon recupererà il gap tecnologico con Sony (e, paradossalmente, perchè non è un reale gap tecnologico, con Sigma).

    Che poi io personalmente preferisca - e NON PER RAGIONI ECONOMICHE - continuare ad usare Nikon (come ho sempre fatto e sempre farò) non sposta di nulla il risultato del conto economico di Nikon che, in questi termini, continuerà a perdere fatturato.
    Proprio perchè la D850 (e la D5) è un'ottima reflex, io, ad esempio, non comprerò mai più alcuna reflex.

    Ma per farmi comprare una mirrorless, Nikon non dovrà obbligarmi a rifare il corredo come invece necessita Sony, oppure dovrà presentare obiettivi nuovi eccezionalmente buoni e a prezzi competitivi (con Sigma !).

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    33 minuti fa, Mauro Maratta dice:

    Ma per farmi comprare una mirrorless, Nikon non dovrà obbligarmi a rifare il corredo come invece necessita Sony

    Questo perché non sei obbligato ad usare grandangoli spinti, al momento il vero vantaggio delle ML per me è proprio la ridotta distorsione delle focali corte, grazie al tiraggio delle ML vs Reflex... e questo comporta un cambio di sistema ottico... tuttavia, se non mi è sfuggito qualcosa, mi pare che l'unica ML che possa montare grandangoli spinti a corto tiraggio sia la Leica... non esattamente una macchina per tutti.

    Modificato da Dario Fava

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Dario, se non sbaglio Voigtlander ha dei grandangoli molti spinti riprogettati per Sony FE.

    In teoria, aggiungendo anche il parco lenti M, di grandangoli a disposizione ne avrebbero anche troppi.

    Modificato da Sakurambo

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    Adesso, Dario Fava dice:

    Questo perché non sei obbligato ad usare grandangoli spinti, al momento il vero vantaggio delle ML per me è proprio la ridotta distorsione delle focali corte, grazie proprio al tiraggio delle ML vs Reflex... e questo comporta un cambio di sistema ottico... tuttavia, se non mi è sfuggito qualcosa, mi pare che l'unica ML che possa montare grandangoli spinti a corto tiraggio sia la Leica... non esattamente una macchina per tutti.

    Questo è proprio l'ultimo dei vantaggi che mi sentirei di attribuire alle mirrorless in generale. E verrebbe dopo l'ultimo che mi farebbe voglia di comperarne una :marameo: 

    A me è venuto a noia :

    - perdere giornate di test per mettere a punto l'autofocus di un obiettivo su una reflex
    - non poter inquadrare come mi capita ovunque nel frame
    - non avere l'animazione del punto di messa a fuoco sull'occhio che voglio io, in tempo reale, e senza contorsionismi
    - poter fare tutto quello che vorrei fare, con l'occhio al mirino e non solo in live-view
    - non poter avere raffiche a cadenze superiori alla tenuta della meccanica
    - non poter scattare sempre, in totale silenzio

    & so on.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    9 minuti fa, Sakurambo dice:

    Dario, se non sbaglio Voigtlander ha dei grandangoli molti spinti riprogettati per Sony FE.

    In teoria, aggiungendo anche il parco lenti M, di grandangoli a disposizione ne avrebbero anche troppi.

    Sì avevo visto gli scatti di Andre sull'altro forum, ma resta comunque un sistema costoso che, per come sono strutturate le ML adesso, costringerebbe ad un doppio corredo... impensabile per me.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    39 minutes ago, Dario Fava said:

    Questo perché non sei obbligato ad usare grandangoli spinti, al momento il vero vantaggio delle ML per me è proprio la ridotta distorsione delle focali corte, grazie al tiraggio delle ML vs Reflex... e questo comporta un cambio di sistema ottico... tuttavia, se non mi è sfuggito qualcosa, mi pare che l'unica ML che possa montare grandangoli spinti a corto tiraggio sia la Leica... non esattamente una macchina per tutti.

    Veramente è il contrario. La soluzione progettuale per i grandangoli è il sistema retrofocus che consente ai raggi di incidere sul sensore con un angolo maggiore (quanto più vicino ai 90° meglio è). Purtroppo per il retrofocus ci vuole spazio, cosa che le ML non hanno. Devono quindi funzionare con schemi ottici diversi che portano ad angoli di incidenza ridotti.

    La Leica era l'unica ML/ telemetro a far funzionare ottiche come il bel Biogon 21mm Contax-Zeiss. Sulla A7RI gli estremi del fotogramma venivano viola!! Questo problema è stato risolto e già dalla A7RII si può usare tranquillamente (attenzione però che non tocchi l'otturatore!).

    Il  nuovo 16-35mm Sony ha qualità ottiche elevatissime anche a 16mm...ed è uno zoom! prezzo pure elevatissimo :(

     

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Alla domanda di Mauro la risposta è un NO secco.

    La D850 è la raflex che nikon doveva fare dopo la D700, anche senza il tripudio di pixel  che offre ora. In effetti nikon da qui deve ripartire se no butta male, del resto il loro mestiere è far prodotti da vendere poi, incidentalmente, con quei prodotti magari ci si fa delle foto ;) ma per Nikon questo è abbastanza secondario nel senso che se gli acquirenti con le nikon vogliono farci altro..che gli frega a loro, basta vendergliele!

    Certo che se nell'equazione nikon ci mette la fotografia è certo che venderà di più e meglio.

    La fila per la D850 lo dimostra no?

    Io sto ancora aspettando un paio di grandangolini piccoli anche f/3.5 ma AFs e BUONI. Ecco , io con quelli ci farei delle foto, con o senza D850.

     

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    1 ora fa, Spinoza dice:

    Veramente è il contrario. La soluzione progettuale per i grandangoli è il sistema retrofocus che consente ai raggi di incidere sul sensore con un angolo maggiore (quanto più vicino ai 90° meglio è). Purtroppo per il retrofocus ci vuole spazio, cosa che le ML non hanno. Devono quindi funzionare con schemi ottici diversi che portano ad angoli di incidenza ridotti.

    La Leica era l'unica ML/ telemetro a far funzionare ottiche come il bel Biogon 21mm Contax-Zeiss. Sulla A7RI gli estremi del fotogramma venivano viola!! Questo problema è stato risolto e già dalla A7RII si può usare tranquillamente (attenzione però che non tocchi l'otturatore!).

    Il  nuovo 16-35mm Sony ha qualità ottiche elevatissime anche a 16mm...ed è uno zoom! prezzo pure elevatissimo :(

     

    Io mi riferivo alle deformazioni ottiche, dal 24mm in giù qualunque ottica per reflex 35mm allarga ai terzi, cosa che ho visto meno accentuata sulle foto di Andre (in bw non si vedono gli slittamenti cromatici) ma anche sul summilux 21 (che costa uno sproposito)

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Io l’unico motivo per cui passerei a Sony sono gli obiettivi 

    ‘lo stramaledetto 16-35  2,8’in primis che Nikon continua a rimandare troppo a lungo.

     

    I must resist 😄

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti



    Crea un account o accedi per lasciare un commento

    You need to be a member in order to leave a comment

    Crea un account

    Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

    Registra un nuovo account

    Accedi

    Sei già registrato? Accedi qui.

    Accedi Ora

×