Jump to content
  • Massimo Vignoli
    Massimo Vignoli

    Io e Nikon, una storia molto personale.


    MV-D300S-20110402-7483.thumb.jpg.f68584dee0386f50c2d08fe6fcaee42a.jpg
    D300S su 500/4G+TC14@700mm 1/1250 f8 ISO 400 - 2/4/2011 Racconigi - Quante ore in quei capanni!

    Ho iniziato a fotografare con Nikon nel 2000, 21 anni fa. 
    Nel 2000 non conoscevo la fotografia ed ancora meno le attrezzature fotografiche allora disponibili. Arrivai per caso a Nikon e quale fu il motivo? Un incidente! 
    Infatti, in uno dei miei primi viaggi, in Norvegia per la precisione, la macchina fotografica che avevo recuperato e portato con me, per qualche bella foto-ricordo, mi cadde e si guastò. Retrospettivamente, fu un’enorme fortuna: questo inconveniente mi diede il motivo per tartassare Guido, un amico convinto Nikonista, ma proveniente da Canon e quindi capace di illustrami quelli che allora erano i punti di forza e debolezza di entrambi i marchi, con mie richieste di informazioni a 360°. Giornate intere di insistenti piogge mi diedero, per una volta, una mano e tornai a casa pieno di voglia di fotografare e con la consapevolezza che Fotografia non è, o almeno non è soltanto, l’istantanea al bel paesaggio fatta nelle vacanze agostane.
    Appena rientrato, la prima cosa che feci fu acquistare una F80 con il 28-105 ed un pacco di rullini…. Poi un 20… l’80-200, il 300, una F100…. 
    Nel tempo la lista è diventata enormemente lunga. Solo dal 2006, anno in cui ho iniziato a fotografare in digitale e, curiosa coincidenza, anno della fondazione di Nikonland, ho acquistato ed utilizzato estensivamente 11 corpi macchina e 44 obiettivi, con focali da 12 a 600. 
    E molti altri ne ho provati.
    Questo non solo per turn-over di lenti e macchine nel mio zaino, ma anche perché a me essenzialmente piace fotografare e lo faccio praticando, anche se ad intensità e con dedizione diverse, più generi fotografici - dal paesaggio al wildlife, dalla fotografia di viaggio a quella in studio. Ma, lo sapete, due sono i miei grandi amori: gli animali ed i paesaggi naturali! 
    La tecnologia impiegata nelle nostre Nikon mi appassiona solo nella misura in cui rende questi strumenti così efficaci nel supportarmi mentre realizzo le mie fotografie, quindi non ho nessuna intenzione di scrivere una recensione di lenti e corpi. 
    Questo articolo vuole raccontare le sensazioni e le soggettività che mi hanno accompagnato e fanno parte di me, quando vado a fotografare con le mie Nikon e che provo a recuperare attraverso i ricordi per condividere con voi una piccola selezione di immagini. 
    Non partirò dal citato 2006, ma da un passato più prossimo, per rendere l’articolo “contemporaneo”.

    MV-D700-20110910-6983-LR-NIK-2.thumb.jpg.a085870388693ce58f5f93762c576d9f.jpg
    D700 su 16-35/4@22mm 1/15s f18 ISO 200 - 10/9/2011 Laghi Avic - Un posto che amo tantissimo, li in autunno il mio cuore si sincronizza con l'universo.

    Inizio da quella che fu una vera milestone dell’era digitale: l’uscita di D3 e D300 e, poi, D700. Cioè il periodo in cui Nikon, “nell’era moderna”, ha confezionato un sistema digitale, oggi si dice un ecosistema, convincente a tutto tondo perché composto da strumenti allo stato dell’arte – file ben lavorabili anche ad alti ISO, risolvenza delle lenti ed autofocus rapido e preciso, VR - prendendo la guida del mercato in termini di qualità ed efficacia delle soluzioni realizzate. 
    La D3 l’ho solo provata, ero erroneamente convinto di avere sistematico bisogno di chiudere le inquadrature grazie al fattore di crop del DX, ma con D300 e D300S ho realizzato centinaia di migliaia di fotografie e, superate le mie personali resistenze, anche di più con la D700. 
    Di fatto, quei corpi macchina insieme a 16-35/4G, 70-200/4G, 300/2.8G e 500/4G, hanno cementato il mio essere Nikonista.

    MV-D700-20110605-2809.thumb.jpg.041a04afbcebd281a07b1d988a62d900.jpg
    D700 su 500/4G+TC14@700mm 1/640 f5.6 ISO 1600 - 5/6/2011 Islanda - Un viaggio unico, che porterò nel mio cuore per sempre, insieme ai ricordi più sacri.

    Poi c’è stato un altro momento catartico: i sensori ad alta risoluzione. Come molti ho saltato la D3X: troppo costosa e, per chi fotografava prevalentemente animali come me in quel periodo, anche troppo lenta. Ma poi sono arrivate loro: D800, D800E e D810: una meglio dell’altra. Anzi, una più dell’altra perché la D810 ha evoluto le altre in ogni aspetto significativo, diventando per me una fantastica macchina per Landscapes ed Animalscapes.

    MV-D810-20150822-6727.thumb.jpg.6e3d99af1c922834e4dca86c13edfb83.jpg
    D810 su 16-35/4@21mm 6" f16 ISO 64 - 22/8/2015 Spagna del nord - Beh, è mare ma anche montagna!

    MV-D810-20150622-4444.thumb.jpg.ba66d6f84977c70a98bae77b09bbb17c.jpg
    D810 su 70-200/4G@82mm 1/250 f4 ISO 90 - 22/6/2015 Finlandia - Il primo viaggio della mia seconda vita. Non ero sicuro di nulla, nemmeno di farcela.

    Ed in mezzo, la mia prima DSRL 100% professionale: la D4, che mi ha accompagnato nei primi viaggi “seri”.

    MV-D4-20150624-8339.thumb.jpg.c4d54f7cddc281301efdf0970445c647.jpg
    D4 su 500/4G 1/500 f4 ISO 2800 - 24/6/2015 Finlandia - Mi batte ancora il cuore quando ripenso a quanto ho trattenuto il respiro pregando che stesse con noi.... ma un lupo è un lupo per l'ombra!

    Qui su Nikonland l’abbiamo definita “la familiare”, quasi in accezione negativa rispetto alla D3S e alla D5 che l’hanno preceduta e seguita che, per stare nella metafora automobilistica, definirei due spider pepate.
    Arriviamo così agli ultimi dispari in ambito DSLR. Nikon come altri ha adottato un ciclo produttivo “Tick-Tock”, che significa che una serie innova e la serie dopo consolida. Per cui dopo la D4 ecco Batman, la D5. Ma fu, ed è, amore totale ed incondizionato. La D5, per me, è stato l’apice, la vetta. Ad anni di distanza, niente veramente più di lei con quella tecnologia di base: La D6 l’ho provata e saltata: da una parte intenso l’amore per la D5 e dall’altra troppo forte il richiamo delle Z.

    1217717464_MV-D5-20190203-36541.thumb.jpg.54aedee7a95977628e3d36acda857b8b.jpg
    D5 su 50/1.8 1/200 f2.5 ISO 400 - 3/2/2019 Milano - Non è facile stare davanti ad uno sguardo così, pensare a come fotografarlo e... fotografarlo.

    MV-D5-20171208-2325.thumb.jpg.803a41a9090f53fd30f512376a274d06.jpg
    D5 su 500/4E 1/1600 f4 ISO 3200 - 8/2/2017 Finlandia - La natura ha leggi semplici. Una è che la vita si costruisce sopra alla morte.

    Ma, grazie al consiglio di un buon amico, ho usato con profitto anche la D500. La sorellina della D5, piccante anche lei, in grado di esserle perfettamente complementare nella fotografia di Wildlife. Una squadra efficacissima, che spero Nikon reiteri in quanto per me il massimo è avere due corpi complementari.

    MV-D500-20180513-2894.thumb.jpg.0033594b2284340cb43d88901c96286d.jpg
    D500 su 500/4E+TC14@700 1/800 f7.1 ISO 360 - 13/5/2018 Parco del Ticino - Chiamarla TC15 è riduttivo, ma come moltiplicatore è il migliore mai costruito.

    E siamo alle Z. Una svolta così importante e fondativa da far coniare a Mauro e Max il nome Zetaland! Io all’epoca ero perplesso: non trovavo quello che avrei voluto. Ma tutte le rivoluzioni conquistano alcuni al primo sguardo ed altri con il tempo: io per le Z sono indubbiamente stato nel secondo gruppo ed ho impiegato un po’ di tempo, nel quale Nikon ha migliorato il SW, per trovare nelle mie Z gli aspetti positivi capaci, come ora, di farmi lasciare spesso a casa le DSRL serie 5. La prima sono le ottiche, di una qualità tale da farmi perdere ogni freno e resistenza al cambiamento: ogni lente Z di serie S che esce supera con ampio margine la lente F che l’ha preceduta, sia per prestazioni che per comodità d’uso. Inutile elencarle: lo hanno fatto tutte.
    La seconda è un insieme di caratteristiche abilitate dall’enorme salto tecnologico: le informazioni a mirino, la totale assenza di vibrazioni che rende possibile scattare a tempi mai visti anche con i supertele, la silenziosità solo per citarne alcune. 

    MV-Z6-20191027-6823.thumb.jpg.3c8d55a92e578a01ce8d38016a0ea0a4.jpg
    Z6 su 500/4E 1/200 f4 ISO 6400 - 27/10/2019 Parco del Ticino - Ma allora è vero che sono così ben mimetizzato che senza Clack non mi vede?!?!

    E poi l’enorme versatilità di un sensore disponibile a qualsiasi utilizzo.

    1861693416_MV-Z62-20210710-7391-MinHorizonNoise.thumb.jpg.f88985cf313435202e48813c62da3af9.jpg
    Z6II su 14-24/2.8S@14 20s f2.8 ISO 3200 - 10/7/2021 Nivolet - Passare la notte sotto le stelle, da soli, è come trascorre del tempo davanti ad uno specchio molto speciale.

    Ma poi c’è il game changer per definizione: la promessa di autofocus intelligente capace di riconoscere nel soggetto viso ed occhi. Promessa che oggi con le Z6II e Z7II, e con declinazioni diverse nelle altre Nikon Z, è mantenuta nella fotografia di persone, di paesaggio e di tipo generalista, ma che attende un corpo dispari capace di portare tutto questo allo stato dell’arte per qualsiasi sfida, anche quelle nelle condizioni selvagge ed impegnative che più mi piace vivere. 

    MV-Z6-20190526-1059.thumb.jpg.85a419a1dbb6fa81932b4c59f4511ebf.jpg
    Z6 su 70-200/2.8E@200 1/125 f2.8 ISO 6400 - 26/5/2019 Milano - Beh, questo è uno scherzo. Le avventure impegnative e selvagge che preferisco sono altre.
    Ma vi assicuro che davanti ad Arya, la prima volta che usavo una Mirrorless, senza la D5 per evitare tentazioni e con la Z6 che non pilotava il flash.... ho sudato un sacco!!!

    D3, D5 ed ora Z9. Non so se è voluto, ma questo doppio salto rappresenta perfettamente la distanza che mi aspetto Nikon metta tra la Z professionale e l’apice delle DSRL.
    Ma c’è una cosa che non ho ancora detto. E cioè perché, nonostante a notevoli successi siano succedute luci ed ombre nella transizione al mirrorless, io sia così chiaramente orientato verso un futuro tutto Nikon? Perché spero così tanto nella Z9?
    Non sono un fan. Ancora meno un social addicted oppure un influencer che deve stupire chi lo legge ad ogni nuovo post. Amo fotografare, mi voglio concentrare nel fare le mie immagini e non sui bottoni ed i comandi dei miei attrezzi. Le mie dita ed il mio cervello, in anni d’uso, hanno raggiunto una simbiosi con le mie Nikon. I miei occhi quando guardano nel loro mirino si trovano a casa. I miei obiettivi Nikon Z sono assolutamente perfetti, il meglio che io abbia mai usato o che abbia mai visto, in assoluto. Il loro unico difetto è che non ci sono ancora tutti! 
    Le mie Nikon sono state le affidabilissime compagne del mio sfaccettato viaggio e se le mie attuali Nikon Z (Z6 e Z6II), seppur dotate di alcuni vantaggi rispetto alle DSRL serie 5, non sono state ancora capaci di superarle nella fotografia d’azione più esigente, conto che la Z9 risolverà brillantemente il problema.

    MV-D5_2-20190512-5842.thumb.jpg.a48c41fe494d86da599b18e06c3ae70c.jpg
    D5 su 80-400/4.5-5.6@320mm 1/1000 f8 ISO 500 - 12/5/2019 British Columbia - D5: Puoi volare, nuotare, camminare o correre. Io lo metto a fuoco dove vuoi tu. 

    Inoltre, sono convinto che l’attrezzatura sia una fondamentale componente nel produrre le nostre immagini ma anche che queste siano ben più influenzate dal fotografo: è più importante chi c’è dietro il mirino che cosa c’è davanti. 
    Non parlo solo di Arte e di capacità del fotografo di immaginare le proprie fotografie, ovviamente fondamentali, ma della componente artigiana, quella costruita nell’uso e negli anni con quelle specifiche attrezzature. E qui il cerchio si chiude perché Nikon è stata capace di conservare la coerenza comportamentale del proprio prodotto attraverso le diverse generazioni. E così, come mi sono trovato subito a casa con i comandi delle prime Z usate, mi aspetto di esserlo anche con la Z9, che ovviamente attendo più evoluta, intelligente e veloce della mia D5. 
    Insomma, il mio non è un semplice colpo di fulmine ma una relazione ventennale costellata di colpi di fulmine, per un’amante che si rinnova ed ogni volta mi sorprende. 

    Nikon, what else?

    Massimo per Nikonland (C)
    16/10/2021 - il nostro quindicennale


     

    User Feedback

    Recommended Comments

    • Nikonlander

    Letto con piacere. 

    Condivido molto del tuo ragionamento nel "sentirsi a casa" con le Nikon.

    Mi sento di condividere praticamente tutto. Aggiungo solo che, al contrario di te, io appartengo alla schiera di coloro che sono stati rapiti dal nuovo sistema immediatamente. Sebbene all'epoca su Z non vi era ancora l'eye af mi fu subito chiara l'enorme salto generazionale in tema di lenti.

    E ricordando un articolo del padrone di casa il passaggio era da fare non nelle Z ma nel sistema Z e delle sue lenti.

    X il resto anche io sono molto fiducioso nella Z9 x la quale mi sono messo in prelista di attesa. Se sarà disponibile al max a fine novembre entrerà nella mia borsa altrimenti dovrò momentaneamente dirottare su un altro body.

    X il resto complimenti sinceri a tutta la redazione

    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander Veterano

    Massimo, hai scritto con il Cuore.. ma sopra tutto con onestà, semplicità ed ancora hai ripubblicato i Tuoi Lavori Eccellenti con grande Modestia..

    e inoltre, hai con maestria fatto conoscere e vedere posti, luoghi e animali che, purtroppo per molti di noi sono preclusi, dirti Grazie sarebbe molto poco..  ma tanti qui su Nikonland, presentano lavori Eccellenti.. a Partire da Mauro e via in cascata..

    Roby c4

    • Haha 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander Veterano

    Anch'io ho cominciato nel 2000 la mia avventura nella fotografia digitale, ed anch'io con una Nikon! ^_^

    Mi sento di condividere quasi tutto quello che hai scritto, a partire dalla passione per la fotografia prima ancora che per gli strumenti con i quali praticarla.

    Ma pure io dopo aver avuto la prima reflex, la D300, non ho saputo utilizzare con la stessa disinvoltura altre macchine, e solo con una Nikon in mano sento di poter ottenere quello che cerco quando metto l'occhio dentro al mirino.

    Complimenti.

    • Like 1
    • Haha 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander Veterano

    Foto incredibili, Massimo.

    Poi, da pigro quale sono, ho sempre ammirato i fotonaturalisti che prendon su e vanno ad appostarsi al freddo e lontano da casa per catturare gli animali nel loro habitat. Se poi i risultati sono questi...
    Al di là delle foto, la passione e l'entusiasmo per Nikon sono tangibili e contagiosi :D

     

    • Haha 3
    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator

    A me è piaciuto così tanto il contributo finale di Massimo nel libro del 15° che ho voluto incorniciarlo mentre lo editavo.
    E voglio per questo riportarlo qui in coda al suo editoriale :

    1802223616_Immagine2021-10-16132246.thumb.jpg.3e287681366853ec4c40b952c1193225.jpg

    attento che io e Nikonland saremo come una cambiale all'incasso ...

    • Like 4
    Link to comment
    Share on other sites

    • Redazione
    6 minuti fa, M&M ha scritto:

    attento che io e Nikonland saremo come una cambiale all'incasso ...

    😂😂😂😂

    Mica mi fai paura, io pago sempre i miei debiti e con Nikonland in generale, e la redazione in particolare, più che un debito da pagare è una questione di vasi comunicanti, di reciproca collaborazione ed accrescimento. Non è un caso che diverse delle foto che ho scelto esistano proprio grazie a Nikonland. I ritratti è ovvio, in entrambi i casi ad aiutarmi c’era Ross e nel primo anche Mauro, ma anche i miei primi passi con le Z sono avvenuti da scettico, grazie agli “spintoni” tuoi e di Max.

    • Like 3
    Link to comment
    Share on other sites

    • Redazione

    Massimo, quando saper vedere, passione ed esperienza "sudata" si ritrovano insieme, quello che ne esce è arte. La tua è arte.
     

    • Like 1
    • Haha 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander

    Tanta roba !!!

    Complimenti Massimo, per la dedizione, l'impegno, la modestia e la riconoscenza verso chi ti ha "spintonato" a seguirli e a migliorare ( migliorando cosi' un po' anche tutti noi )

    Link to comment
    Share on other sites


×
×
  • Create New...